vaccini-600x400

L’importanza dei vaccini: nel 2018 di morbillo si muore ancora e non dovrebbe essere così

Grazie al Decreto Legge della scorsa estate le coperture vaccinali continuano a salire e per quanto riguarda il vaccino esavalente -in attesa del dato definitivo nelle prossime settimane- il risultato pare raggiunto. Molto buoni anche i dati relativi alla copertura del vaccino trivalente morbillo-parotite-rosolia: in questo caso siamo intorno al 93%. Ottimi risultati che non devono però indurre ad abbassare la guardia. Affinché i casi di malattia siano prossimi allo zero occorre mantenere sempre alta la copertura.

http://www.freepik.com/free-photo/man-with-stomachache_857942.htm#term=stomach&page=2&position=2

Come nutrirsi dopo essere stati operati allo stomaco

La nutrizione è cruciale per tutti i pazienti oncologici ma lo è ancor più per chi viene operato per tumore allo stomaco. In queste persone, alle cause di malnutrizione comuni agli altri pazienti, infatti, si aggiunge la resezione totale o parziale dello stomaco, che altera i normali processi della digestione in un organismo già molto indebolito.

ricercatrice_mano_ftg

Sclerosi multipla: studio italiano verso l’identificazione di farmaci efficaci

Nel cervello adulto sono ancora presenti cellule progenitrici (i precursori oligodendrocitari) capaci di differenziarsi ad oligodendrociti mature, cellule che nel sistema nervoso centrale producono la guaina mielinica che riveste le fibre nervose del sistema nervoso centrale – gli assoni dell’encefalo e del midollo spinale – su cui corrono gli impulsi elettrici prodotti dai neuroni.

acufene4

Donne sempre più stressate: 9 su 10 combattono piccoli disturbi

Si tratta di disturbi di piccola entità che condizionano la vita e l’umore delle donne da una a quasi tre volte al mese: le intervistate ammettono di diventare più lunatiche e suscettibili (ne è consapevole una donna su due), di provare disagio nelle relazioni con gli altri (25%), di modificare le proprie abitudini alimentari (22%) e di avere anche difficoltà sul lavoro (17%).