Primo Piano

news

II CONGRESSO NAZIONALE EMERGENZA: “FARE IL PUNTO PER EVITARE PERICOLOSI PASSI INDIETRO”

Tutti insieme, a un anno e mezzo dall’inizio della pandemia che ha messo a dura prova ogni elemento del sistema dell’Emergenza e la sua tenuta complessiva, rendendo più evidenti i punti di forza ma anche le mancanze, le disomogeneità sul territorio e, in diversi casi, le arretratezze nel modello gestionale. Da qui, la necessità di fare il punto e confrontarsi al proprio interno e con le istituzioni sulla direzione che un rinnovamento del sistema deve prendere.

immagine

In Emilia-Romagna con “Tieni in forma il tuo cuore” un mese dedicato al rischio cardiovascolare

Da inizio settembre e fino alla prima metà di ottobre in tutta l’Emilia-Romagna si celebra il primo “mese del cuore” con l’iniziativa “Tieni in forma il tuo cuore”, sei fine settimana di appuntamenti per mettere a sistema e valorizzare le azioni che gli operatori sanitari delle Asl, i medici di medicina generale e le associazioni di volontariato per informare i cittadini dei rischi delle malattie cardiovascolari

242240712_4699507180093452_4012363196026543844_n

Sanità, a Bologna tutti uniti contro l’Alzheimer

Domenica 19 settembre in Piazza Nettuno a disposizione dei cittadini i professionisti della Rete dei Centri Disturbi Cognitivi e delle Demenze di Bolognaper ascoltare, informare e sensibilizzare i cittadini. Un momento comunitario che unisce le realtà ospedaliere, territoriali, sanitarie e sociali, per abbattere insieme il muro del silenzio sull’Alzheimer

Bologna, 02/09/2021. 
Ospedale Maggiore. 
Le storie a lieto fine di un 43enne e un 65enne che, a distanza di meno di 24h l’uno dall’altro, hanno subito un arresto cardiaco, entrambi in dimissione dall’Ospedale nei prossimi giorni. 
Il paziente Piero Z. e gli infermieri soccorritori Lorenzo Rienzi e Massimo Ropa Esposti (quest’ultimo assente alla cerimonia). 
ARCHIVIO AUSL BOLOGNA foto Paolo Righi

L’efficienza della catena di sopravvivenza e l’importanza della prevenzione. Settembre è il mese del cuore

Due storie parallele, emblematiche. Due uomini salvati da atti semplici – rapido riconoscimento dell’arresto cardiaco, tempestiva richiesta di soccorso e massaggio cardiaco e dall’utilizzo del defibrillatore – e dal buon funzionamento di un sistema che ha offerto a Marco e Piero in rapida successione tutti i punti chiave della catena della sopravvivenza. Piero avrà sempre un legame speciale con i suoi due infermieri, angeli custodi

thumb-medium

Rinnovo delle Cariche del Consiglio Direttivo OpiBo

Gentili Infermieri abbiamo il piacere di informarvi che a seguito delle dimissioni dalla carica della Vice Presidente Roberta Toschi, nella seduta del Consiglio Direttivo del giorno 1 settembre 2021 ed alla successiva attribuzione delle...

schermata-2021-08-29-alle-21-05-54

Arresto cardiaco in Valsamoggia, salvato da 2 infermieri non in servizio

Un uomo di 65 anni è stato soccorso e salvato da un arresto cardiaco, questa mattina in piazza della Libertà a Savigno, nel Bolognese, grazie all’intervento immediato di due infermieri, in quel momento non in servizio e fortunatamente nelle vicinanze del defibrillatore a disposizione nella stessa piazza.

schermata-2021-08-15-alle-17-25-38

Il mio ferragosto a vaccinare – Intervista a Lilia Castiglione

È già capitato altre volte di lavorare a Natale, il primo dell’anno e in tante altre festività. Per Lilia, 49 anni, infermiera del Dipartimento di sanità pubblica dell’ Azienda USL di Bologna , è normale farsi trovare pronta e dare la propria disponibilità per scendere in campo quando c’è bisogno. L’intervista realizzata da Il Resto del Carlino

Chiusura uffici agosto 2021

Chiusura uffici agosto 2021

  Si informano i gentili e le gentili utenti che, fino al 13 agosto, sarà in vigore il consueto ricevimento telefonico: dal lunedì al venerdì dalle ore 09.00 alle ore 11.00 Dal 16 agosto...

1039_027

L’errore è dividerci in squadre e non ascoltare e risolvere dubbi e paure della gente

Il Presidente Giurdanella interviene nell’articolo pubblicato oggi da il Resto del Carlino, consapevole della stanchezza e spesso anche della demoralizzazione di tutti gli infermieri nel vedere le piazze piene di persone che mettono a repentaglio non soltanto gli sforzi dei sanitari, ma soprattutto la salute e la sicurezza sanitaria dell’intera comunità