Emilia Romagna. Blocco dei pazienti da fuori regione, le reazioni dell’AIOP

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Le cliniche private dell’Emilia-Romagna sono pronte a portare la Regione davanti al Tar, contro la direttiva che blocca di fatto l’arrivo dei pazienti dal resto d’Italia. Lo mette in chiaro il presidente dell’Aiop di Bologna, Averardo Orta, parlando alla ”Dire” questa mattina a margine della presentazione del bilancio sociale aggregato 2015 dell’associazione degli ospedali privati.

maxresdefault

il presidente dell’Aiop di Bologna, Averardo Orta

“Stiamo valutando anche il ricorso al Tar- conferma Orta- ma speriamo nel buon senso dell’assessore”. Il titolare della Sanita’ in viale Aldo Moro, Sergio Venturi, che stamattina nella sede di Unindustria Bologna era di fatto il convitato di pietra. “Siamo l’unica Regione in Italia che blocca i pazienti da fuori”, tuona Orta dal palco, in apertura dei lavori. Il problema nasce da un comma della legge di stabilita” 2016, che mette un tetto alle prestazioni offerte ai cittadini di altre regioni. Un’interpretazione restrittiva della norma, contesta Aiop, a cui pero’ solo l’Emilia-Romagna si e’ adeguata. “E’ un pasticcio che favorisce la Lombardia, che invece continua ad attrarre pazienti e ha ricevuto un regalo inatteso”, sottolinea Orta. Per le cliniche private di Bologna, questo blocco vale “tra i 41 e i 50 milioni di euro in meno”.

 

L’Ausl di Bologna invece fa altri conti “Ballano tra i 18 e i 20 milioni di euro”, calcola il direttore sanitario Angelo Fioritti. Guerra di cifre a parte pero’, per l’Aiop significa essere “costretti a bloccare i 40 milioni di euro in tre anni di investimenti programmati solo a Bologna- avverte Orta- e tagliare 700 posti di lavoro in Emilia-Romagna, rischiando anche di non raggiungere le prestazioni minime per l’accreditamento. Il che apre uno scenario apocalittico”.

131728800-7119a181-3857-4e84-a371-0147c5694877

il direttore sanitario dell’Ausl di Bologna Angelo Fioritti.

Secondo Orta, “oltre un mese non possiamo attendere, abbiamo gia’ avuto perdite incalcolabili. Migliaia di prestazioni sono state bloccate e abbiamo strutture con personale ancora in ferie”. Non solo. Proprio l’Ausl di Bologna, applicando la direttiva regionale (“Un atto dovuto”, lo definisce Fioritti) ha sospeso i pagamenti una volta raggiunto il tetto di prestazioni richieste. “Ma per noi significa non riuscire a pagare gli stipendi e bloccare i ricoveri- avverte Orta- abbiamo gia’ perso centinaia di pazienti e abbiamo ricevuto lettere di cittadini che minacciano le vie legali per interventi gia’ programmati ma non effettuati”.

Finora i contatti con la Regione “non hanno portato a soluzioni”. E il presidente regionale Aiop, Bruno Biagi, attacca: “Diciamo che non si fanno i muri per i migranti e poi li facciamo per i pazienti? La riduzione della mobilita’ non si fa per decreto, ma aumentando i servizi in loco”. La Regione, insiste l’Aiop, “deve assolutamente difendere il sistema. A volte ci stupiamo di questa passiva accettazione nei confronti delle altre Regioni: questa e” una mossa politica”. E avverte: “Non e’ nel nostro stile portare lavoratori e pazienti in piazza, ma dobbiamo tenere conto anche che siamo aziende e che, nel caso, posti di lavoro e investimenti caleranno con una ricaduta su tutto il sistema”.

L’Aiop e’ pronta “a riscrivere il nostro ruolo e capire cosa fare- assicura Biagi- se dedicarci di piu’ al welfare e all’Emilia-Romagna. Ma non possiamo farlo dall’oggi al domani: dobbiamo metterci insieme al tavolo. Siamo spiacevolmente sorpresi da alcuni atteggiamenti della Regione, fuori dal clima di collaborazione a cui eravamo abituati”. (San/ Dire)

 

 


 

Articoli correlati

Emilia Romagna. Blocco dei pazienti da fuori regione, vertice Regioni del Nord Italia

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy