La chirurgia a Budrio. Un convegno a due anni dalla riorganizzazione

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Sabato 13 febbraio 2016, alle 10, un convegno alle Torri dell’Acqua di Budrio (Bo). In occasione del convegno sarà possibile visitare il percorso medico-chirurgico dell’ospedale di Budrio. Le prenotazioni per i gruppi di visita scadono il giorno 11 febbraio alle 14.
Fare il punto sull’Ospedale di Budrio, sugli importanti risultati raggiunti a due anni dalla riorganizzazione della chirurgia di Budrio e dall’inizio della collaborazione con l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Sant’Orsola.
È questo l’obiettivo del convegno che si terrà sabato 13 febbraio, alle 10, nella Sala Ottagonale delle Torri dell’Acqua, in via Benni 1 a Budrio.

Il convegno sarà introdotto da Maria Cristina Cocchi, direttore del distretto Pianura Est dell’Azienda Usl di Bologna, e interverranno Anselmo Campagna, direttore sanitario dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna, Angelo Fioritti, direttore sanitario dell’Azienda USL di Bologna, Mario Cavalli, direttore generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna e Chiara Gibertoni, direttore generale dell’Azienda USL di Bologna.

Le conclusioni, infine, saranno di Giulio Pierini, Sindaco di Budrio e Presidente del Comitato di Distretto Pianura Est, e di Luca Rizzo Nervo, Presidente della Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria di Bologna.

image

Al convegno è invitata tutta la cittadinanza, che avrà anche l’opportunità di visitare gli spazi del percorso medico-chirurgico dell’ospedale di Budrio, a partire dalle ore 9.

Per le visite al percorso, sono previsti tre gruppi di visita, ognuno di 10 persone, con ritrovo alle ore 9 presso la portineria dell’ospedale.

Per poter accedere ai gruppo di visita, è necessario prenotarsi entro giovedì 11 febbraio alle ore 14 presso lo Staff del Sindaco:
– telefonando ai numeri 051 6928219 – 051 6928320;
– oppure inviando una mail a segreteriasindaco@comune.budrio.bo.it indicando il proprio nome e cognome.

Fonte: sito Ausl di Bologna

 

Potrebbe interessarti...