RIO 2016. Per gli atleti la rivincita della pasta!

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Ma quali bistecche? Gli sportivi arrotolano spaghetti in grande quantita’. Dopo 40 anni di egemonia della ”dieta del marine” iperproteica, arriva la rivincita dei carboidrati nell’alimentazione di chi pratica sport a livello agonistico.

Lo chef stellato  impegnato a Casa Italia come sport and food ambassador Italia Team ai Giochi Olimpici

Lo chef stellato Davide Oldani impegnato a Casa Italia. Foto Italpress tratta dal sito TuttoSport.com

Per fare un esempio della considerazione di tale alimento, a Rio 2016 saranno 2.700 i chilogrammi di pasta serviti con la supervisone dello chef Davide Oldani agli atleti e agli addetti ai lavori tra ristoranti e Casa Italia, nel Villaggio olimpico, per un totale di 1.000 piatti al giorno. Perche’ il carboidrato e’ stato consacrato dalla dichiarazione di consenso scientifico ”Healthy pasta meals”, firmata da 20 medici e scienziati della nutrizione. Perche’ sono molte le testimonianze dei benefici di una dieta con la pasta, anche per chi si allena duramente. E perche’ sono numerosissimi i campioni che alla pasta non sanno dire di no.

A cominciare da Jesse Owens, che si racconta prima delle gare mangiasse solo pasta, arrivando a tante altre star dello sport come Usain Bolt, Michael Phelps (il campione del nuoto ha dichiarato di mangiarne 1 kg al giorno), Serena Williams, Federica Pellegrini e Tania Cagnotto. “È sbagliato per chiunque escludere i carboidrati dalla dieta, come e’ sbagliato penalizzare la pasta- spiega Michelangelo Giampietro, nutrizionista e medico dello sport- La ricerca scientifica e l’esperienza degli atleti che mangiano pasta, specie prima dell’evento sportivo, ha dimostrato come mangiare pasta serva all’atleta.

Flavia Pennetta. Foto  https://www.flickr.com/photos/stevenpisano/14912972337

Flavia Pennetta. Foto flickr.com/stevenpisano

Piu’ ne mangia e meglio si sente, ed e’ preparato a ottenere un risultato brillante”. L’arma in piu’ sembra essere il fattore psicologico: oltre a fare bene, offre una gratificazione superiore rispetto ad altri regimi alimentari. “Prima delle partite una pasta in bianco con olio e parmigiano e’ la cosa migliore per prepararti a un match- racconta Flavia Pennetta- A me piace la pasta a pranzo, specialmente la crudaiola, che e’ molto fresca e semplicissima, con pomodorini saltati e cacio e ricotta delle mie parti”. “Io faccio 14/15 ore di allenamento a settimana. Mangio 200 grammi di pasta per placare l”appetito a pranzo, 200 a cena e farei amche il bis- racconta Giuseppe Vicino- La mia preferita? La pasta patate e provola che mi faceva mia nonna”. (Fla/ Dire)

Potrebbe interessarti...