Gestione della terapia orale: le indicazioni della Regione ER

hand-281963_1280
Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Indicazioni certe e uniformi in tutta la regione per garantire in sicurezza la corretta somministrazione orale dei farmaci, in tutti quei casi in cui il paziente non è autosufficiente o ha problemi di deglutizione o è alimentato solo con sondino, ma anche quando nella struttura il farmaco proposto è in una confezione con dosaggio diverso da quanto previsto dalla terapia.

Questo contiene la raccomandazione, inviata in questi giorni dalla Regione a tutte le Aziende sanitarie, da applicare nelle strutture sanitarie e sociosanitarie. Il documento, tra i pochi casi in Italia a intervenire sull’argomento, è organizzato in schede e fornisce indicazioni pratiche su cosa i professionisti sanitari e sociosanitari devono fare per esempio per dividere o triturare una compressa oppure aprire una capsula, o ancora quando devono somministrare un farmaco insieme a cibi o bevande.

Curato da un Gruppo di lavoro regionale composto da professionisti delle Aziende sanitarie e della Regione, il documento è stato sviluppato a partire dalla letteratura scientifica internazionale e dalle esperienze in Italia e in Emilia-Romagna. L’obiettivo è superare pratiche e procedure eterogenee nelle diverse strutture sanitarie e socio-sanitarie e garantire ancora di più qualità e sicurezza nell’assistenza al paziente.

L’applicazione di queste indicazioni riguarda in questa fase iniziale le strutture dove si pone in modo prioritario la gestione di queste particolari forme di somministrazione orale dei farmaci, come i reparti di geriatria, neurologia, lungodegenze, gli Ospedali di comunità (rivolti prevalentemente a pazienti cronici) e le strutture socio-sanitarie.
Ogni Azienda sanitaria deve ora individuare almeno due strutture nel suo territorio in cui avviare l’applicazione delle indicazioni e attivare i percorsi di formazione per gli operatori sanitari e sociosanitari interessati. Al termine di questa fase, che durerà un anno, le indicazioni potranno essere rivalutate, alla luce dei risultati ottenuti.

il Documento

Introduzione

Potrebbe interessarti...