Ricorso a interinali eccessivo, serve stabilita’

image
Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Lancio di Agenzia (Dire)

(ER) SANITÀ BOLOGNA. COLLEGIO INFERMIERI CON CGIL: URGE PERSONALE

IPASVI: RICORSO A INTERINALI ECCESSIVO, SERVE STABILITÀ

(DIRE) Bologna, 4 set. – Il ricorso agli interinali e’ diventato
eccessivo, a Bologna servono infermieri stabilizzati e formati.
Il Collegio infermieri cittadino, oggi, si schiera con Marco
Baldo della Fp-Cgil, che ieri, con una lettera ufficiale
all’Ausl, ha lanciato l’allarme parlando di carenza di
graduatorie, del rischio che il personale venga a mancare e ha
chiesto all’Ausl di indire un concorso per rinfoltirle.
Nel mondo infermieristico bolognese, chiarisce il Collegio,
“in questi ultimi anni stiamo assistendo, con preoccupazione, ad
una precarizzazione del lavoro infermieristico senza precedenti”.
Ed e’ sbagliato coprire le carenze degli infermieri con gli
interinali, perche’ questo tipo di attivita’ “richiede
stabilita’, formazione, aggiornamento, valorizzazione
professionale, ricerca”.
Ipasvi, per questo, “condivide le preoccupazioni della Cgil e
di Baldo”, che ieri hanno evidenziato l’esistenza di due sole
graduatorie (una per l’Istituto ortopedico Rizzoli e uno per il
Policlinoco Sant’Orsola), contando in tutto 150 persone nelle
liste, peraltro non recenti. Il tema della programmazione delle
assunzioni di personale infermieristico all’interno delle aziende
sanitarie, precisa dunque il Collegio “ha una sua rilevanza
strategica e non puo’ essere affidato alle periodiche assunzioni
di infermieri interinali”. Stabilita’, formazione, aggiornamento,
valorizzazione professionale, ricerca, conclude Ipasvi “sono
elementi essenziali per dare una risposta efficace e di qualita’
ai bisogni di salute dei cittadini”.
(Asa/ Dire)
12:07 04-09-15

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy