118 Bologna: il Ministero della Salute pronto a intervenire

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Le scelte della Regione Emilia Romagna sui protocolli per l’attività di assistenza e cura svolta dagli infermieri del sistema 118 sono “corrette e legittime”. “I medici, come del resto anche gli infermieri, che attuano le direttive del Ssn in un settore come quello dell’emergenza, hanno bisogno del massimo rispetto e della massima tranquillità nell’operare in quanto, fermo restando che la diagnosi delle cause che hanno prodotto una situazione di criticità vitale rimane in capo al medico, il rilevamento della perdita o alterazione delle funzioni vitali e gli interventi salvavita conseguenti, possono essere eseguiti, senza esclusività, da medici e infermieri, pena la perdita di molte vite umane e l’inefficacia dei sistemi di emergenza”.

A dichiaralo, confermando la posizione Ipasvi, è il sottosegretario alla Salute, Vito De Filippo, che annuncia l’intervento del ministero, come richiesto dal Comitato centrale della Federazione  all’indomani della sospensione da parte dell’Ordine dei medici di Bologna, dei suoi iscritti che alla fine dello scorso anno avevano predisposto e sottoscritto secondo le indicazioni delle aziende sanitarie, della Regione e dello Stato protocolli per l’attività di assistenza e cura svolta dagli infermieri del sistema 118.

In questo senso De Filippo ha scritto al Capo di Gabinetto e parlato con il ministro Beatrice Lorenzin, tenuto conto della funzione di Dicastero, vigilante sugli ordini e collegi delle professioni sanitarie e sulla professione medica.
“Questo perché – spiega De Filippo – è compito dello Stato, in tutte le sue articolazioni, garantire a tutti gli individui l’accesso rapido alle cure, la competenza degli operatori e la validità dei metodi e strumenti di lavoro”. “Pertanto -sottolinea ancora – l’attenzione dei professionisti come delle istituzioni sanitarie deve essere centrata sull’efficacia e la sicurezza degli interventi e sulla funzionalità e sostenibilità dei sistemi di emergenza”.

E il ministero ha chiesto (il 1° marzo) all’Ordine dei medici di Bologna una relazione sull’accaduto, nella sua qualità di organismo di vigilanza su Ordini e Collegi.

De Filippo ha anche sottolineato e ricordato che sulla questione già il Governo Renzi, su proposta del ministro Lorenzin, ha normato la questione con il recepimento, con Decreto legislativo n. 15/16, della direttiva europea 2005/36/CE sulle qualifiche professionali sancendo che tra le competenze dell’infermiere vi sia anche quella di “avviare autonomamente misure immediate per il mantenimento in vita e di intervenire in situazioni di crisi e catastrofi”.

 

Fonte: Fnc IPASVI

Potrebbe interessarti...