In arrivo Truvada*, primo farmaco per la prevenzione dell’Hiv

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Via libera dell’Agenzia europea per i medicinali (Ema) all’immissione in commercio nell’Unione europea per Truvada*, primo farmaco per la prevenzione dell’Hiv nel vecchio continente. Il farmaco, composto da emtricitabina/tenofovir disoproxil, se utilizzato in combinazione con pratiche di sesso sicuro, è in grado di ridurre il rischio di infezione da HIV in pazienti adulti ad alto rischio.

La ‘Prep’ è una nuova strategia farmacologica mirata alle persone che non hanno l’Hiv, ma che sono ad alto rischio di contrarlo. Dopo il via libera del Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell’Ema, si attende ora la ratifica da parte della Commissione europea.

Truvada* di Gilead Sciences è il primo farmaco raccomandato a questo scopo e – precisa l’Ema – deve essere utilizzato come parte di una strategia generale di prevenzione dell’infezione da Hiv, che comprende l’uso del preservativo.

Il Truvada è composta da due principi attivi, emtricitabina e tenofovir disoproxil, che è un ‘profarmaco’ di tenofovir. Ciò significa che viene convertito in tenofovir nell’organismo. Emtricitabina e tenofovir lavorano in modo simile, bloccando l’attività della trascrittasi virale inversa, che è necessaria per consentire al virus di replicarsi.

Alla base delle decisioni dell’Ema vi sono due studi che hanno mostrato una riduzione sostanziale del rischio di Hiv-1, quando Truvada* viene utilizzato come ‘Prep’. In uno di questi, lo studio iPREX, ha ridotto il rischio di infezione da Hiv del 42% negli uomini sieronegativi o in donne transgender che hanno rapporti sessuali con uomini, gruppi considerati ad alto rischio di infezione da Hiv. Nel secondo studio (studio Partners PrEP) Truvada* ha ridotto il rischio di infezione del 75% nei partner eterosessuali di uomini e donne sieropositive.

L’opinione del Chmp sarà ora inviato alla Commissione Europea per l’autorizzazione all’immissione in commercio. Una volta che l’estensione delle indicazioni sarà concessa, ogni Stato membro dovrà prendere una decisione sul prezzo e le modalità di rimborso del prodotto in base al potenziale uso di questo farmaco nel contesto del proprio sistema sanitario nazionale.

Fonte: Adnkronos

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy