La sanità Francese: tempo di finanziaria e mobilitazioni

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Ospedale salvato, sacrificando gli operatori sanitari?

In Francia, la revisione del progetto di Legge finanziaria 2017 fornisce ai deputati l’opportunità di discutere del sistema sanitario. I tagli imposti dal governo, rischiano il colpo di grazia ad un ospedale già sotto pressione, minata da problemi come il burnout e il suicidio? Non è possibile prevedere una convivenza più armoniosa tra le case di cura e gli ospedali? Per il dibattito, Arnaud Ardoin riceve quattro esperti di salute:

  • Catherine Génisson, PS senatore del Pas-de-Calais, Vice Presidente della Commissione Affari Sociali del Senato ed ex medico di emergenza.
  • Claude Greff, MP LR Indre-et-Loire, ex segretario di Stato incaricato della coesione sociale ed infermiera.
  • Gerald Kierzek, medico di emergenza presso l’Hotel Dieu Hospital e presidente dell’associazione per tutti.
  • Pierre-Henry Brechat: medico ospedaliero, specialista della salute pubblica e Medicina di Comunità a APHP, membro della Cattedra di Health Sciences Po Paris

I temi che vengono fuori da questo dibattito, sembrano essere i medesimi che riguardano il mondo sanitario di tutti i paesi Europei.

Come avevamo raccontato del Portogallo, anche in Francia, le maggiori organizzazioni degli infermieri del settore pubblico e privato, hanno chiamato a raccolta la comunità professionale per una manifestazione nazionale indetta per l’8 novembre.

Le organizzazioni infermieristiche, si stanno già chiedendo se sarà ricordato come il giorno della  “Grande onda Bianca”.

La situazione sembra drammatica: suicidi, deterioramento delle condizioni di lavoro, difficoltà non riconosciute, inquadramenti salariali non adeguati alle nuove competenze acquisiste, riordino delle nuove funzioni specialistiche bloccato, e la lista di rivendicazione che abbraccia tutte le realtà di lavoro infermieristico, si allargherà nei prossimi giorni con l’apertura del collettivo alle rivendicazioni degli studenti e degli infermieri autonomi.

Autore Articolo. Dr. Antonio Torella (a.torella@icloud.com)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

Altri articoli dello stesso autore:

“Portogallo: infermieri in sciopero per 48 ore”

“Gente di Mare”. L’infermiere sulle navi da crociera

“Competenze avanzate: Liver Specialist Nurse”

Inghilterra. Stop alla borse di studio dal 2017, lo annuncia il governo inglese

“What immigration really means for Britain”: il reale significato dell’immigrazione in Uk

National Health Service (NHS). Cosa accadrà oggi, dopo la decisione di lasciare L’UE?

“DIREZIONE BELGIO. L’infermiere Enrico Punzetti ci racconta la sua esperienza”

Londra. Manifestazione di protesta degli infermieri, la politica risponde

“No al taglio delle Borse di Studio”. Studenti e Infermieri in piazza a Londra

Infermieri in Inghilterra: Martina Laffi ci racconta Manchester

C’era una volta in America: storia di una futura infermiera italiana

Noi, Infermieri a Berlino: il racconto di Clorinda Demaio

La Spagna approva la legge sulla prescrizione infermieristica. Ma è polemica

Norvegia: il nuovo “El Dorado” per gli infermieri

Emergency: un’infermiera bolognese ci racconta la sua esperienza in Sudan

Genetic Nurse: dal Nord Europa arriva a Bologna una nuova specializzazione

Francia: la lunga notte di un infermiere italiano

Spagna: stop alla legge sulla prescrizione infermieristica di farmaci e presidi

Are you RE VALIDATION ready?

N.M.C. Nuovi requisiti linguistici per la registrazione degli infermieri europei

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy