”Labbro leporino”. Ogni 3 minuti, nel mondo, nasce un bambino con labiopalatoschisi

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Ogni tre minuti nel mondo nasce un bambino con labiopalatoschisi, malformazione comunemente nota come ”labbro leporino”, una patologia che si presenta alla nascita causando difficolta’ ad alimentarsi, parlare e persino a respirare. Ed e’ soprattutto per svolgere attivita’ di ricerca sulle nuove tecnologie chirurgiche e sulla genetica che determina malformazioni cranio-maxillo-facciali di questo tipo, che il ministero della Salute ha firmato a Roma un protocollo d’intesa con la Fondazione Operation Smile Italia Onlus, con lo scopo di rafforzare la reciproca collaborazione nell’ambito delle proprie attivita’ istituzionali e nel contesto di progetti specifici.

“I bambini che nascono con queste patologie in Paesi in via di sviluppo- ha detto il ministro Lorenzin- purtroppo hanno il doppio delle probabilita’ di morire prima di avere compiuto il primo anno di vita, oltre ad una qualita’ della vita nettamente peggiore. Questi bambini hanno difficolta’ a respirare, mangiare e a parlare, quindi si tratta di malattie altamente invalidanti dove un buon intervento chirurgico puo’ cambiare davvero la vita”. In Italia ci sono molti casi di labiopalatoschisi, ha fatto sapere il ministro, legati “in alcuni casi a motivi genetici in altri alla mancanza di assunzione di acido folico durante la gravidanza. Noi stessi stiamo lavorando nel nostro Paese su centri di riferimento che siano in grado di avere l’approccio giusto in questi casi; pensiamo a quelle strutture dove chi opera piu’ bambini ovviamente ha piu’ capacita’ di intervenire chirurgicamente in modo corretto”.

Anche in questa ottica, ha aggiunto ancora Lorenzin, il ministero “ha aderito a questa campagna e insieme opereremo per elaborare e promuovere protocolli diagnostici, terapeutici e di intervento, favorendo cosi’ la multidisciplinarieta’ nell’ambito delle malformazioni cranio-maxillo-facciali”. Il protocollo prevede inoltre iniziative finalizzate alla formazione di personale medico e paramedico, anche mediante il sostegno di soggetti pubblici o privati, e l’organizzazione di seminari, convegni e gruppi di lavoro a livello scientifico sia in Italia sia all’estero.

“La nostra Fondazione- ha spiegato Versace- si occupa di operare bambini che nascono malformati, con labbro leporino, bileporino e palatoschisi, in piu’ di 64 Paesi del mondo. Non solo: si occupa di formare i medici e di creare sezioni dedicate all’interno degli ospedali, perche’ i bambini devono essere seguiti fino all’ultimo”. Ogni anno ”Operazione Smile” esegue oltre 20mila interventi chirurgici gratuiti e da quando e’ stata costituita, nel 1982, la Fondazione ha effettuato piu’ di 240mila operazioni chirurgiche. “Per quanto riguarda il protocollo con il ministero- ha raccontato ancora il presidente Versace- un primo gia’ era stato sottoscritto nel 2008 con Livia Turco, ma oggi lo ribadiamo con Lorenzin. Il ministero riconosce che la nostra preparazione e i nostri parametri scientifici sono un punto di riferimento per la sanita’ in questo settore e questo e” molto importante. Voglio anche ricordare che l’Organizzazione mondiale della sanita’ ha promosso i parametri medici di ”Operation Smile Mondo” ad eccellenti, prendendoli come riferimento. Non solo: il presidente del Nicaragua ha intenzione di proporre all’Oms di stanziare i fondi necessari per operare nel primo anno di vita i 200mila bambini- ha concluso- che nascono annualmente malformati in tutto il mondo”. (Cds/Dire)

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy e Cookie Policy