Sanità, in Italia 4,6 milioni di poveri rinunciano alle cure

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

In Italia 4 milioni e 600 mila persone devono fare i conti con la povertà sanitaria. Secondo un’elaborazione dell’Osservatorio Donazione Farmaci di Banco Farmaceutico sugli ultimi dati Istat disponibili, gli indigenti possono spendere solo 69 euro l’anno per curarsi (52 euro in medicinali), a fronte dei 444 euro (206,20 in medicinali) del resto degli italiani. Il 3,9% della popolazione, invece, ha dovuto rinunciare a curarsi del tutto. È quanto emerge dal ‘Bilancio Sociale 2015’ presentato oggi a Roma dalla Fondazione Banco Farmaceutico, nel corso di una conferenza stampa organizzata presso il ministero della Salute. “Tale condizione, ormai- ha commentato il presidente Paolo Gradnik (nel video)- riguarda sempre più persone che da una situazione reddituale normale si sono ritrovati nel baratro dell’indigenza. Sono i nuovi poveri: anziani soli, disoccupati e famiglie che non riescono più ad arrivare a fine mese”. Nel 2015, intanto, la Fondazione Banco Farmaceutico ha raccolto “1.805.068 farmaci, per un controvalore economico pari a 16.141.516 euro”, mentre secondo i dati aggiornati a giugno 2016, in 16 anni di attività, ha raccolto complessivamente “oltre 7,7 milioni di farmaci, per un controvalore economico superiore a 50 milioni di euro”. Nel 2015, è emerso ancora dalla conferenza, il rapporto tra costi totali e ammontare economico dei farmaci erogati è stato “pari al 6,02%.

Nel 2014 il rapporto era pari al 7,32%, mentre nel 2013 al 9,59%. La compressione dei costi indica la solidità finanziaria e patrimoniale di Banco Farmaceutico e deriva da una gestione attenta e dall’adeguatezza strutturale dell’opera”. Presenti all’evento anche Francesco Marsico, responsabile area nazionale Caritas Italiana, e Francesco Rocca, presidente nazionale Croce Rossa Italiana. “Il ‘Bilancio Sociale di Banco Farmaceutico- ha detto Marsico- ci dice due cose importanti: che le istituzioni sociali sanno essere efficaci nell’utilizzo delle risorse e che generano valore non solo in termini economici, ma di innovatività, diffusività di comportamenti solidali, in una parola di costruzione coesione sociale”.

Un dato fra tutti, ha aggiunto il responsabile di area nazionale Caritas Italiana, la progressiva “sostenibilità di Banco Farmaceutico, che cresce di anno in anno; dal 2013 al 2015 il costo totale di Banco decresce dal 9.59% al 6.02%. Vale a dire fa di più e costa di meno. E non credo si tratti solo di economie di scala, immagino piuttosto competenze acquisite, virtuosità sistemica e allargamento dell’area di sostenitori, volontari, reti territoriali che alleggeriscono il conto economico e migliorano la performance operativa.

E questo, con una capacità anticiclica, vale a dire nonostante gli anni della crisi. Sarebbe bello se ogni istituzione, soggetto sociale e comunità sapesse fare lo stesso nel nostro Paese”. Ha commentato invece Rocca: “Senza organizzazioni come il Banco Farmaceutico, sarebbe molto più difficile, se non impossibile, riuscire a soddisfare le richieste di aiuto che riceviamo in ogni situazione, dai centri per persone migranti alle unità di strada per i nuovi poveri. Le realtà come Croce Rossa e Banco Farmaceutico, che operano sul territorio e che si prendono cura delle persone vulnerabili, riescono ad arrivare in quelle zone d’ombra dove vivono nuovi poveri, senza fissa dimora e migranti che altrimenti rischierebbero di diventare sempre più invisibili e di essere messi ai margini della nostra società. Evitare gli sprechi, sensibilizzare i cittadini e far arrivare i farmaci a chi ha bisogno: queste- ha concluso il presidente di Croce Rossa Italiana- le basi del nostro rapporto con il Banco Farmaceutico”.

Fonte DIRE

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy