2 Agosto 2017, l’anniversario della strage. Anche gli infermieri a supporto della memoria

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

BOLOGNA – Oggi la città di Bologna, come ogni anno, ha ricordato la strage del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna. Da quel giorno sono passati 37 anni, durante i quali è rimasta senza risposta la domanda sul perchè di quella tragedia che provocò 85 morti e 200 feriti. I mandanti della strage, i cui esecutori materiali furono i Nar Valerio Fioravanti e Francesca Mambro, non sono stati individuati e la Procura di Bologna ha chiesto l’archiviazione dell’indagine aperta a questo scopo.

Dal palco il presidente dell’associazione che riunisce i familiari delle vittime, Paolo Bolognesi, ha rilanciato la necessità di trovare i mandanti e attaccato la Procura “non può chiedere di archiviare senza scomodarsi a indagare sui nuovi elementi emersi”. E durante la cerimonia in Comune, in polemica con il Governo e con gli impegni non rispettati, i parenti hanno abbandonato l’aula del Consiglio comunale nel momento in cui ha preso la parola Gian Luca Galletti.

 

2017080202095900922011

201708020209590092202

 

IL CORTEO

Il corteo ha sfilato da piazza Nettuno alla stazione, con i familiari applauditi al loro passaggio in via Indipendenza. Alle 10.25, in una affollata piazza Medaglie d’Oro, è scattato anche quest’anno il minuto di silenzio che come ogni anno, per 60 secondi, riporta cuori e pensieri a quel giorno in un clima come sospeso e sempre molto sentito. E come sempre la fine di quei 60 secondi è stata scandita dai tre fischi della locomotiva.

201708020209720097101

201708020209720097103

201708020209720097105

201708020209720097109

 

L’AUTOBUS 37

Quest’anno a rendere l’atmosfera ancora più suggestiva c’era, parcheggiato proprio di fianco al palco, l’autobus di linea 37, ‘quell’autobus’. Fu il mezzo con cui, quella mattina del 2 agosto di 37 anni fa, furono prestati i primi soccorsi ai feriti (trasportati così in ospedale per fare più in fretta), ma divenne poi anche un simbolo della strage perchè servì da ‘carro funebre’: su quell’autobus, a cui erano stati applicati lenzuoli bianchi a proteggere i finestrini, furono trasportati i cadaveri delle vittime.

bus_37_bologna_strage-6

presentazione-mostra-2-agosto-21-1280x960

Un’iniziativa molto particolare della memoria – in corso per tutta la giornata- è stata organizzata quest’anno dal ‘Cantiere 2 agosto‘, che ha deciso di mettere in scena le storie delle 85 vittime facendole raccontare da altrettanti narratori, posizionati in diversi punti della città (video).

20597116_1528611283868790_5646084041372080176_n

Il narratore Matteo Borghesan, davanti all’ex traumatologico messo a disposizione dall’Azienda USL, narra la storia di Angelo Priore, morto a 26 anni dopo tre mesi di ricovero. Ha lasciato la moglie ed il figlio.

20604267_1528611333868785_4179661094839384756_n

 

20596989_1528575777205674_4300027418582607708_n

La narratice Alice Faella narra la storia di Mirella Fornasari. “Sposata con un figlio è morta il 2 agosto 1980. Aveva 35 anni”.

 

Come da programma all’arrivo del corteo erano presenti gli infermieri del Collegio IPASVI di Bologna e i volontari dell’Associazione Piantiamolamemoria con in mano le fotografie dei soccorsi del 2 agosto (foto scattate il 2 agosto 1980 da Paolo Ferrari).

Di seguito il servizio andato in onda sul Tg3 dell’Emilia Romagna di oggi.

 

 

20597459_1528492917213960_3014282799474674476_n

20621009_1528493050547280_1354058532569623676_n

20526287_1528492940547291_5811906998712554215_n

20526087_1528492970547288_8291287015611246515_n

 

LEGGI ANCHE

Giovedi 27 luglio l’evento “Con le mani”, tanta emozione

Potrebbe interessarti...