Bologna. Open Day svela funzionamento Emergenza 118

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

IL 22 APRILE TOUR GUIDATO TRA ELICOTTERI, AMBULANZE E VIDEOWALL. (DIRE)

194257906-969bd5cb-0cf0-49c9-86da-4ef86beca876-600x400Bologna – Come funziona il 118? Lo si potra’ scoprire sabato 22 aprile tra telefoni che squillano, videowall, sistemi di geolocalizzazione, ambulanze, automediche ed elicotteri.

E’ l’Open Day della centrale 118 dell’area omogenea Emilia Est, in programma, appunto alla fine della prossima settimana. Dalle 10 gli operatori del 118 condurranno i partecipanti in un tour guidato della centrale, per raccontare la storia del 118, dalle prime ambulanze sul territorio sino al servizio di emergenza sanitaria di oggi. Si potra’ assistere in diretta al lavoro degli operatori nella grande sala operativa che riceve le richieste di soccorso. Il tour si concludera’ con la visita alla base dell’elisoccorso adiacente alla Centrale.

La centrale 118 Emilia Est, nata nel 2014, serve le province di Bologna, Ferrara e Modena e riceve tutte le chiamate di soccorso provenienti dai tre ambiti, coordinando l’invio dei mezzi di soccorso nei diversi territori. Tutte le postazioni contano su una completa integrazione tra i sistemi radio, telefonici e dati, grazie a un applicativo informatico dedicato. Cosi’, l’operatore puo’ interagire con i diversi supporti utilizzando un unico computer e una unica cuffia microfonica. Gli applicativi colloquiano con i database telefonici e cartografici, rendendo cosi’ piu’ sicura la localizzazione di quanti si rivolgono alla centrale. L’integrazione dei dati e’ completata dai flussi informativi da e verso i computer di bordo dei mezzi di soccorso. L’operatore di Centrale puo’ conoscere, quindi, in tempo reale la posizione e lo stato di tutti i mezzi di soccorso sul territorio, individuando immediatamente quello piu’ vicino al luogo di intervento.

ospmaggiore_centrale118_ausl-1280x875Nella sala operativa ci sono due videowall con quattro schermi da 50 pollici affiancati, che compongono un unico schermo di due metri per tre. I videowall consentono a tutti gli operatori di visualizzare e scambiare in tempo reale, in una sorta di chat multimediale, informazioni video e applicazioni come, per esempio, le telecamere poste sulle autostrade, e il dettaglio delle attivita’ in corso e i mezzi utilizzati.

La nuova Centrale Operativa 118 occupa una superficie di 1.451 metri quadrati, articolata su due piani. Al piano terra, di circa 1.000 metri quadrati, si trovano per esempio, la sala operativa per la ricezione e gestione delle emergenze, con 16 postazioni di lavoro, un locale dedicato alle comunicazioni radio tra la Centrale e i mezzi 118, e di arrivo di tutte le reti telefoniche.

La Centrale Operativa 118 di Bologna

La Centrale Operativa 118 di Bologna

E ancora la sala operativa per le macro-emergenze con otto postazioni di lavoro, due locali dedicati al riposo degli elicotteristi e due per i tecnici di assistenza agli elicotteri. Al primo piano, di circa 450 metri quadrati, si trovano invece gli spogliatoi del personale, una sala riunioni e briefing per operatorio equipaggi e quattro uffici per i coordinatori della Centrale. Nel 2016 la centrale ha gestito quasi 220.000 emergenze sanitarie, con una media di 850 chiamate di soccorso al giorno e oltre 145.000 trasporti sanitari inter e intra-ospedalieri. Da qui si coordinano anche gli interventi degli elicotteri dalla basi di Bologna e di Pavullo nel Frignano. Nel 2016 l’elicottero della base di Bologna ha effettuato 806 missioni, mentre quello di Pavullo nel Frignano ne ha realizzate 549. (Red/ Dire)

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy