Epatite C, Gelli: Bene Aifa. Non piu’ giustificabili prezzi farmaci

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

image34-600x400-1“Accolgo con molto interesse la presa di posizione del Dg Aifa Mario Melazzini nei confronti della Gilead in vista delle imminenti trattative per il rinnovo delle forniture di Sovaldi e Harvoni, i due farmaci indicati per il trattamento di tutti i genotipi dell’epatite C.

Ad oggi, con l’ingresso nel mercato di altri medicinali atti a contrastare questa patologia, credo si possa dire che non sono piu’ giustificabili prezzi ben piu’ alti come quelli pagati dal nostro Paese negli ultimi anni”.

Questo il commento del responsabile sanita’ del Pd, Federico Gelli. “Auspicando che l’Ente regolatorio riesca ad ottenere un accordo con la Gilead a queste condizioni, a quel punto sarebbe doveroso immaginare l’avvio di un vero e proprio Piano nazionale finalizzato alla completa eradicazione di questa patologia. In questo modo potremmo, da un lato permettere le cure a tutti i pazienti affetti da Epatite C eliminando le attuali barriere per l’accesso alle nuove terapie, e dall’altro l’azienda potra’ in ogni caso continuare a far profitti sugli aumentati volumi di vendita”, conclude Gelli. (Red/ Dire)

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy