Il sonnellino aiuto lo sviluppo del linguaggio nel bambino

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Con un livello adeguato di sonno, i bambini, riescono infatti ad associare le parole al loro significato molto prima di quanto si pensi, già a sei oppure otto mesi. Infatti è quanto emerge da una ricerca del Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences di Lipsia, pubblicata su Current Biology, specificando che la chiave dell’apprendimento,  sta in un pisolino pomeridiano di poco meno di un’ora. Gli scienziati hanno analizzato bimbi dai sei agli otto mesi, introducendo alla loro attenzione oggetti a cui hanno dato nomi di fantasia come “Bofel” o “Zuser”. Altri oggetti che differivano solo per forma o colore sono stati chiamati con gli stessi nomi.

Nell’osservazione dei bambini, ogni nuova coppia oggetti-parole risultava sconosciuta e unica, i piccoli non riuscivano a costruire una relazione generale, ma è stato notato che ciò cambiava dopo un pisolino pomeridiano. Nei bambini che si erano addormentati dopo le fasi di apprendimento, il cervello sembrava riuscire a distinguere tra il termine giusto e quello sbagliato per un nuovo oggetto. I bambini consolidato le loro conoscenze mentre dormivano. Mentre al contrario coloro che rimanevano svegli non riuscivano a farlo. Tutto questo dipendeva anche dalla durata del sonno: per ottenere l’effetto giusto il pisolino ideale risultava essere di 50 minuti.

La ricerca ha individuato anche una fase del riposo che potrebbe essere di particolare importanza: la durata del secondo dei quattro momenti essenziali del sonno, quando è leggero, infatti, sembra avere un’influenza importante sullo sviluppo della memoria lessicale.

Di Carlotta Pasquali

Fonte ANSA

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy