La Casa della Salute di Casalecchio di Reno compie un anno

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter
image9-720x480

L’inaugurazione, nel 2016, della Casa della salute

La Casa della Salute di Casalecchio di Reno festeggia il suo primo compleanno. Lo fa dedicando due sale della Casa a due medici che hanno fatto la storia della sanità a Casalecchio, Giovanni Bonani e Claudio Costa, che saranno ricordati con una targa commemorativa nelle sale di attesa, rispettivamente, del CUP e del Punto Prelievi.

 

I numeri della Casa della Salute dopo il primo anno di attività. Oltre 300.000 prestazioni

La Casa della Salute di Casalecchio di Reno nel suo primo anno di vita ha confermato la sua vocazione di punto di riferimento sociale e sanitario per la popolazione. L’attività svolta è stata molto intensa, con oltre 300.000 prestazioni erogate. In particolare, sono state quasi 50.000 le prestazioni di specialistica ambulatoriale, 26.000 delle quali prelievi, quasi 80.000 le prestazioni di diagnostica per immagini comprese le attività di screening, oltre 13.000 le prestazioni dell’area dedicata alla salute della donna e del bambino. Più di 20.000 le prestazioni della Continuità Assistenziale, 30.000 quelle di assistenza domiciliare, 2.000 quelle del servizio di riabilitazione, 5.000 le prestazioni offerte dallo Sportello sociale. Il Cup ha effettuato 99.500 prenotazioni, la farmacia ha erogato 7.000 le prestazioni.
La comunità professionale della Casa della Salute conta su 142 professionisti, 57 medici, 29 infermieri, 6 psicologi, 12 tecnici sanitari, 2 farmacisti e un operatore tecnico di farmacia, 6 ostetriche,12 riabilitatori, 2 educatori,10 assistenti sociali e 5 amministrativi.

L’integrazione socio-sanitaria

A conferma dello spirito aggregativo della Casa sono stati numerosi i progetti di cura e assistenza che coinvolgono professionisti, associazioni e cittadini che si sono aggiunti in quest’ultimo anno a quelli già presenti sul territorio. In questo contesto, l’attenzione ai temi del sociale è costante grazie alla presenza fisica dei professionisti di ASC InSieme, l’azienda speciale che si occupa dei servizi sociali dei 5 Comuni dell’Unione Valli del Reno Lavino Samoggia (Casalecchio, Monte San Pietro, Sasso Marconi, Valsamoggia e Zola Predosa). Tra aprile 2016 e febbraio 2017 le richieste ricevute dallo Sportello sociale di persona, telefonicamente o per mail sono state 6.144.

Quest’anno ha preso avvio il progetto Il mio amico Parkinson, momenti di incontro settimanale dedicati a persone con sindromi parkinsoniane e i loro familiari per confrontarsi in modo informale sui temi legati alla malattia e alla sua gestione, guidati da una psicologa, un luogo per socializzare e trovare soluzioni comuni. Si sono già tenuti 12 incontri e altri 15 sono in programma sino a giugno.

Per le persone che hanno avuto un infarto o uno scompenso cardiaco il progetto Per il coinvolgimento attivo del paziente: dall’informazione all’educazione a un luogo
d’incontro mette a disposizione infermieri per conoscere bene la propria malattia, per saperla gestire e per fare educazione sulla terapia.

Sul terreno dell’Auto Mutuo Aiuto sono 5 i gruppi, alcuni di nuova formazione, che usufruiscono dell’accoglienza della Casa della Salute per incontrarsi: Apriti cielo!, gruppo di familiari di persone con problemi legati alla dipendenza da sostanze e/o comportamenti; ACAT (Associazione Club Alcologici Territoriali), gruppo aperto a persone che oltre alla dipendenza da alcol presentano problemi di tossicodipendenza e di gioco compulsivo; Badiamoci, gruppo di assistenti familiari; S.O.S.-STARE, gruppo di persone con abitudini insistenti, consumo problematico e dipendenza; AllattiAMO&CresciAMO, incontri tra genitori di bambini 0-3 anni su allattamento, alimentazione complementare, sonno ed altro ancora.

È cominciato a marzo, inoltre, il primo evento di co-progettazione con i cittadini, Insieme mamme e bambini, che prevede 10 incontri gratuiti facilitati da due mamme psicologhe per affrontare insieme tutti gli aspetti della genitorialità nei primi mesi di vita del bambino. In alcuni di questi momenti saranno presenti alcuni professionisti, l’ostetrica, l’infermiera, il pediatra, il pedagogista per rispondere a dubbi e domande delle neomamme.

La Casa ospita regolarmente le iniziative di promozione di AIDO Valle del Reno, AVIS, ANT, Gli Onconauti, AIL, TELETHON e offre spazi adeguati alle attività di Yoga promossa da Gli Onconauti, ai gruppi di cammino di Datti una Mossa, oltre che fornire uno spazio di ascolto del Comitato Consultivo Misto.

Infine, la Casa della Salute mette a disposizione di Associazioni, gruppi di lavoro e ASC InSieme aule e spazi per incontri e formazioni.

image13-720x480

L’inaugurazione, nel 2016, della Casa della salute

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy