Lorenzin: riforma selezione manager sanitari sarà pronta entro giugno

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

22432551009_1c128191d2_z-600x400Il ministro della Sanita’, Beatrice Lorenzin, ha portato al Consiglio dei ministri un decreto legislativo sulla selezione della dirigenza sanitaria che corregge i rilievi delle regioni e soprattutto supera l’impugnativa fatta dalla regione Veneto nei confronti del ddl Madia. Quando si parla di selezione della dirigenza sanitaria si intende i manager del sistema salute: sia i direttori generali delle Asl che i criteri di selezione e valutazione dei direttori amministrativi e sanitari delle singole aziende ospedaliere. “E’ un decreto estremamente importante che era rimasto bloccato”, sottolinea Lorenzin in conferenza stampa a Palazzo Chigi al termine del Cdm. “Il correttivo che e’ stato qui presentato e che ha avuto un vaglio informale verra’ mandato in Conferenza Stato-regioni avendo noi accolto quelle che erano gli elementi di correzione dateci dalle regioni: questo provvedimento concludera’ il suo iter entro il mese di giugno”, annuncia. Poi “dal mese di ottobre sara’ operativo l’elenco unico nazionale dei direttori generali”

Lorenzin ricorda di aver gia’ “previsto tutta una serie di step e passaggi che hanno l’ obiettivo di selezionare una piattaforma di persone con curricula e competenze manageriali di grande qualita’”, quindi “criteri oggettivi di selezione che vengono effettuati dalle regioni e meccanismi di decadenza dei manager dall’incarico senza dover aspettare la fine del contratto”. Una decadenza che avviene “non solo in caso di manifesta violazione della legge o di malasanita’, ma anche in caso di mancanza di produttivita’ ed efficienza nel proprio mandato”.

Secondo Lorenzin questo sistema “ci aiutera’ anche nell’applicazione a cascata nei vari territori regionali perche’ allontana da un alveo puramente discrezionale le scelte, le inserisce infatti in un processo di selezione in cui c’e’ si’ il rapporto fiduciario, ma a monte ci deve essere una procedura di selezione che deve avvenire con criteri piu’ oggettivi possibili”, conclude. (Lum/ Dire)

Potrebbe interessarti...