Roma, al Gemelli nuovo centro simulazione hi-tech

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

ipse_5quadrataInaugurato uno spazio di 1.200 metri quadrati (DIRE – Notiziario settimanale Sanita’)

Roma, 15 mar. – Manichini hi-tech gestiti da software di simulazione che modulano di volta in volta lo scenario clinico, per imparare per esempio la gestione del parto. Simulatori ultra-sofisticati per apprendere le tecniche laparoscopiche in modo del tutto realistico. Gestione e risoluzione di casi clinici complessi attraverso la simulazione in tempo reale con pazienti virtuali, ambientati in una sceneggiatura altamente aderente alla realta’. E ancora, una serie di manichini impiegati per imparare a gestire le emergenze (per esempio simulare l’intubazione o la tracheotomia di un paziente).

Questo e molto altro e’ possibile trovare da oggi presso l’Ipse Center (Interactive Patient Simulation Experience) del Policlinico Universitario ‘A. Gemelli’ di Roma, un nuovo spazio di 1.200 metri quadrati interamente dedicato alle simulazioni e inaugurato oggi alla presenza del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. “Un policlinico universitario come il Gemelli – ha spiegato il direttore generale, Enrico Zampedri- ha ovviamente nella sua mission anche la formazione. Il Policlinico Gemelli, in quanto luogo di cura e laboratorio di ricerca d’eccellenza, mette a disposizione i risultati ottenuti utilizzando delle metodologie di insegnamento all’avanguardia.inaugurazioneipse7

Ipse Center rappresenta l’eccellenza della formazione nella clinica, nella chirurgia e nella diagnostica grazie all’utilizzo delle piu’ moderne tecnologie di simulazione e metodologie di formazione esperienziale. La disponibilita’ per gli operatori sanitari, sia interni sia esterni, di un centro di formazione dove e’ possibile simulare le piu’ diverse situazioni della pratica quotidiana ospedaliera, permette di realizzare un aggiornamento pratico degli operatori, che ha come principale obiettivo l’appropriatezza delle cure e la sicurezza dei pazienti e degli operatori stessi”.

Ipse Center e’ dotato di due sale esperienziali, Elettra e Calypso, e di una sala plenaria multifunzionale, che puo’ essere attrezzata per ospitare simulatori e postazioni per chirurgia mini-invasiva e per diagnostica (ecografi, sonografi). Inoltre e’ presente una sala parto con un simulatore di parto, una sala operatoria ad alta fedelta’ ed una sala per la gestione delle emergenze/urgenze. Nel nuovo spazio del Gemelli non solamente vengono simulati dei casi clinici del tutto reali, ma si impara anche la gestione del team, la relazione con il paziente, gli aspetti medico-legali, il management sanitario. Con Ipse Center- ha detto il professor Raffaele Landolfi, ordinario di Medicina interna all’Universita’ Cattolica e direttore scientifico del Centro- possiamo simulare davvero quasi tutte le situazioni che si possono porre nella pratica reale, in maniera da formare in poco tempo e in massima sicurezza il personale sanitario e di lasciarli liberi di sbagliare e apprendere dai propri errori, senza per questo compromettere l’incolumita’ del paziente”.

Nato dall’accordo siglato tra la Fondazione del Gemelli e QBGROUP (societa’ di Padova specializzata nella formazione e soluzioni digitali in ambito sanitario), Ipse Center applica un approccio “totalmente innovativo e unico” di fare formazione ultra – specialistica. L’accordo ha permesso al Policlinico di avvalersi anche della innovativa e originale metodologia didattica CELL (Centre For Experiential Learning), cioe’ del Centro per la formazione esperienziale, un vero e proprio simulatore in ambito clinico. Nel CELL gli operatori della salute sono chiamati a seguire percorsi di simulazione diagnostico/terapeutica nelle stesse situazioni operative e di stress del loro ambiente di lavoro, sia esso l’ambulatorio, il pronto soccorso o il letto in reparto, interagendo in tempo reale con un paziente o con un collega e potendo vivere immediatamente il risultato delle loro decisioni. “Il fatto che QBGROUP sia un’azienda completamente italiana – ha concluso il preside della Facolta’ di Medicina e Chirurgia dell’Universita’ Cattolica del Sacro Cuore, il professor Rocco Bellantone – rappresenta sicuramente un elemento di rilievo per una realta’ ospedaliera come il Policlinico A. Gemelli che ha l’ambizione di esportare gli standard assistenziali e il modello formativo della Facolta’ di Medicina e chirurgia della Cattolica in tutto il mondo. In quest’ottica Ipse Center rappresenta un ulteriore passo avanti nella strategia di internazionalizzazione del Gemelli che vede come fiore all’occhiello il corso di laurea in inglese Medicine & Surgery dedicato a studenti comunitari ed extra-comunitari”. (Red/ Dire)

inaugurazioneipse8

ipse_4

ipse_3

ipse_1

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy