Yemen. Onu: “1900 morti per il colera, 2mln di bimbi malnutriti”

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter
Taiz city. Source https://www.flickr.com/eesti

Taiz city. Source https://www.flickr.com/eesti

“Questa e’ la peggiore epidemia di colera al mondo all’interno della piu’ grande crisi umanitaria al mondo. Solo negli ultimi tre mesi sono stati registrati 400mila casi sospetti di colera e circa 1.900 morti associati alla malattia”.

A parlare cosi’ dello Yemen sono Anthony Lake, direttore generale Unicef; David Beasley, direttore esecutivo Wfp, e Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale Oms a conclusione della missione congiunta effettuata nel Paese dove servizi vitali per la salute, l’acqua e l’igiene sono paralizzati a causa di oltre due anni di conflitto. Lo Yemen e’ sull’orlo della carestia; circa 2 milioni di bambini sono colpiti da malnutrizione acuta che li rende ancora piu’ vulnerabili al colera.

Medici, infermieri e volontari stanno lavorando senza sosta per salvare vite. Oltre 30mila operatori sanitari non ricevono lo stipendio da piu’ di 10 mesi, molti lavorano ancora per dovere. Di qui la richiesta dei tre responsabili alle autorita’ dello Yemen di pagare urgentemente gli operatori sanitari. “È necessario un impegno duraturo – affermano – per fermare la diffusione della malattia. Circa l’80% dei bambini dello Yemen ha immediato bisogno di assistenza umanitaria.

Source www.flickr.com/eesti

Source www.flickr.com/eesti

Quando abbiamo incontrato i leader dello Yemen, ad Aden e a Sana’a, abbiamo chiesto loro di garantire agli operatori umanitari accesso alle aree colpite dal conflitto e abbiamo sollecitato – piu’ di ogni altra cosa – che venga trovata una soluzione politica pacifica al conflitto”. La crisi dello Yemen richiede una risposta senza precedenti: “Chiediamo adesso alla comunita’ internazionale di moltiplicare il suo supporto per le persone dello Yemen. Se non faremo nulla adesso, la catastrofe che abbiamo visto espandersi davanti ai nostri occhi non solo continuera’ a mietere vite, ma compromettera’ il futuro delle prossime generazioni e del Paese per gli anni a venire”. (www.agensir.it) (Gif/Dire)

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy