30 tablet per far respirare il tempo di cura

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Consegnati in questi giorni i tablet che l’OPI ha messo a disposizione per gli infermieri di Bologna e di Imola. Si tratta di 30 tablet con scheda sim che gli infermieri dei reparti di Terapia intensiva e semintensiva e di degenza COVID possono utilizzare per mettere in contatto attraverso videochiamata i pazienti positivi con i familiari che lo chiederanno.

Nel dettaglio sono stati donati:

· 15 tablet per i reparti COVID dell’Ausl di Bologna

· 10 tablet per i reparti intensivi e semintensivi del Policlinico di Sant’Orsola

· 5 tablet per i reparti COVID dell’Ausl di Imola.

La donazione risponde alle richieste arrivate all’OPI da tanti infermieri per riuscire a mettere in collegamento i familiari con i pazienti, nella consapevolezza che una parte fondamentale dell’assistenza è la relazione di aiuto con i pazienti e con i familiari, così come descritto nel nostro Codice Deontologico: “Il tempo di relazione è tempo di cura”.

L’Ordine coglie l’occasione per ringraziare alcune aziende bolognesi che hanno a loro volta donato una parte dei tablet messi a disposizione dei reparti: Ottica INN, Studio dottori commercialisti Mattioli Cantelli di San Lazzaro, Museo Memoriale della Libertà, Esse3 Costruzioni, SWD Group srl.

 

Bologna, 21/04/2020. COVID-19. Policlinico di Sant’Orsola. Pad.23. Ordine delle Professioni Infermieristiche Bologna rappresentato dal presidente Pietro Giurdanella dona tablet alla terapia intensiva. Foto Paolo Righi

Tablet predisposti per videochiamate
Foto Paolo Righi

 

Bologna, 21/04/2020. COVID-19. Policlinico di Sant’Orsola. Pad.23. Ordine delle Professioni Infermieristiche Bologna rappresentato dal presidente Pietro Giurdanella dona tablet alla terapia intensiva. Foto Paolo Righi

Policlinico di Sant’Orsola. Pad.23. Ordine delle Professioni Infermieristiche Bologna rappresentato dal presidente Pietro Giurdanella dona tablet alla terapia intensiva.
Foto Paolo Righi

 

Bologna, 21/04/2020. COVID-19. Policlinico di Sant’Orsola. Pad.23. Ordine delle Professioni Infermieristiche Bologna rappresentato dal presidente Pietro Giurdanella dona tablet alla terapia intensiva. Foto Paolo Righi

Policlinico di Sant’Orsola. Pad.23. Ordine delle Professioni Infermieristiche Bologna rappresentato dal presidente Pietro Giurdanella dona tablet alla terapia intensiva.
Foto Paolo Righi

 

94613981_3168223883223246_2727574261848866816_o

Il Presidente OPI Bologna Pietro Giurdanella consegna al Direttore generale dell’Ausl di Imola, Andrea Rossi, 5 tablet

 

Bologna, 24/04/2020. COVID-19. Ospedale Bellaria. Pad.G. Ordine delle Professioni Infermieristiche Bologna rappresentato dal presidente Pietro Giurdanella e dei membri del Consiglio dona tablet e mascherine ai reparti COVID-19 alla presenza della Commissaria Straordinaria Chiara Gibertoni. Foto Paolo Righi

Ospedale Bellaria. Pad.G. Ordine delle Professioni Infermieristiche Bologna rappresentato dal presidente Pietro Giurdanella e dei membri del Consiglio Direttivo dona i tablet e mascherine ai reparti COVID-19 
Foto Paolo Righi

 

Bologna, 24/04/2020. COVID-19. Ospedale Bellaria. Pad.G. Ordine delle Professioni Infermieristiche Bologna rappresentato dal presidente Pietro Giurdanella e dei membri del Consiglio dona tablet e mascherine ai reparti COVID-19 alla presenza della Commissaria Straordinaria Chiara Gibertoni. Foto Paolo Righi

Ospedale Bellaria. Pad.G. Ordine delle Professioni Infermieristiche Bologna rappresentato dal presidente Pietro Giurdanella e dei membri del Consiglio dona tablet e mascherine ai reparti COVID-19 alla presenza del DATeR dell’Ausl di Bologna Evita Zoni
Foto Paolo Righi

 

Bologna, 24/04/2020. COVID-19. Ospedale Bellaria. Pad.G. Ordine delle Professioni Infermieristiche Bologna rappresentato dal presidente Pietro Giurdanella e dei membri del Consiglio dona tablet e mascherine ai reparti COVID-19 alla presenza della Commissaria Straordinaria Chiara Gibertoni. Foto Paolo Righi

Ospedale Bellaria, un momento della consegna dei tablet
Foto Paolo Righi

Potrebbe interessarti...