Bologna 2 Agosto 1980. I numeri della memoria

Share on Facebook2Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Come ogni anno l’Ordine delle Professioni Infermieristiche partecipa attivamente a mantenere viva la memoria di quanto è accaduto a Bologna il 2 agosto 1980 e unisce nel ricordo la tragedia delle vittime e dei sopravvissuti con la reazione è la vicinanza dei soccorritori.

Venerdi 29 luglio, presso la sede dell’Ordine, in collaborazione con l’Associazione tra i familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 Agosto 1980, è stato organizzato un evento per ricordare le vittime attraverso le parole di chi era presente.

opi_2136

 

Alla presenza di Franco Cima, consigliere della Città Metropolitana, di Roberta Toschi, Presidente Commissione Salute e Welfare Bologna, di Cristina Pirazzini Vicepresidente dell’OPI di Bologna, ha aperto il pomeriggio Cinzia Venturoli,  collaboratrice dell’Associazione tra i familiari delle vittime della strage di Bologna, con una introduzione storica degli avvenimenti arrivando fino ai giorni d’oggi con le sentenze di quest’anno dopo 42 anni dalla strage.

Stefano Badiali medico rianimatore ha raccontato i momenti vissuti durante i soccorsi in stazione e Maria Dolores D’Elia, infermiera,  ha rivissuto con i presenti, i momenti concitati dell’arrivo dei feriti nel reparto di chirurgia all’Ospedale Maggiore dove era in servizio.

Gianni Zini, padre di uno dei feriti, ci ha emozionato con il racconto dell’evento che lo ha toccato personalmente e di come successivamente si sia messo al servizio degli altri come volontario di ambulanza.

Ha chiuso il pomeriggio Marco Vigna, infermiere tra i padri fondatori del 118, collegando quei tragici eventi alla successiva nascita del 118 a Bologna, come reazione e risposta organizzata alla bomba in stazione.

opi_2060

 

 

Questa è una storia di vera resistenza che i protagonisti  hanno raccontato davanti alle foto di Paolo Ferrari, allestite e visitabili fino al 12 agosto nella sede dell’Ordine.

Fotografie e allestimenti che ci hanno riportato indietro, a quel giorno tremendo. Per non dimenticare.

Nella stessa giornata è stata inaugurata l’esposizione permanente di materiali e settings assistenziali della professione infermieristica, che fa parte del patrimonio della Città Metropolitana.

Le persone interessate a visitare l’esposizione fotografica e museale fino al 12 agosto 2022, è pregato di contattare la segreteria OPI Bologna scrivendo a [email protected]

Foto di Paolo Righi

 

opi_2139
opi_2136

opi_2130

opi_2149

opi_2157

opi_2185

 

opi_2196

opi_2205

opi_2209

opi_2244

opi_2263

opi_2293

opi_2329

opi_2960

opi_2951

opi_2946

opi_2936

opi_2921

opi_2894

opi_2870

opi_2853 opi_2843

opi_2838

opi_2831

opi_2826

opi_2819

opi_2805

opi_2794

opi_2782

opi_2768

opi_2649

opi_2642

opi_2637

opi_2609

opi_2578

opi_2575

opi_2570

opi_2563

opi_2559

opi_2507

 

opi_2476

opi_2462

opi_2433
opi_2419 opi_2409

opi_2393

opi_2389

opi_2387

opi_2375

opi_2368

opi_2348

opi_2345

opi_2341

 

opi_2340

opi_2335

 

opi_2059

opi_2058

opi_2052
opi_2045

opi_2039

 

opi_2035

opi_2028


opi_2022 opi_2020

opi_2010

opi_2005

opi_2003

 

Potrebbe interessarti...