Formazione Continua

FORMAZIONE CONTINUA DELL’INFERMIERE LIBERO PROFESSIONALE

 

Il Decreto Legislativo n. 229 del 1999 ha attivato, a partire dal 2002, il Sistema Italiano di Educazione Continua in Medicina che prevede l’aggiornamento professionale obbligatorio per tutti gli operatori sanitari, sia dipendenti che liberi professionisti.

I crediti ECM sono gli indicatori della quantità di formazione/apprendimento effettuato dagli operatori sanitari in occasione di attività ECM. I crediti ECM si ottengono partecipando ad eventi formativi organizzati da strutture accreditate per l’ECM e superando le prove di verifica previste, copia della certificazione dei crediti conseguiti deve essere consegnata al Collegio.

Nel periodo sperimentale 2002-2007, il numero dei crediti da acquisire dagli operatori sanitari è stato fissato a 150.

In data 1 agosto 2007 è stato siglato l’accordo Stato-Regioni concernente il “Riordino del sistema di Formazione continua in Medicina”. Nell’accordo è riportato che ogni operatore sanitario doveva acquisire 150 crediti formativi nel triennio 2008-2010 secondo la seguente ripartizione: 50 crediti/anno (minimo 30 e massimo 70 per anno).
Dei 150 crediti formativi del triennio 2008-2010 fino a 60 crediti potevano derivare dal riconoscimento di crediti formativi acquisiti negli anni della precedente sperimentazione.

Il programma ECM, dopo sette anni di sperimentazione (2004-2010), è entrato finalmente nella fase cosiddetta a regime con il periodo 2011-2013 in cui ogni professionista della sanità doveva acquisire 150 crediti sulla base di 50 ogni anno, (minimo 25 e massimo 75 per anno). Anche per il triennio 2011-2013 era possibile diminuire il debito formativo usufruendo dei crediti conseguiti il triennio precedente, così come specificato nella Determina della CNFC (Commissione Nazionale Formazione Continua) emanata il 17/07/2013.
Per il triennio 2014-2016 l’obbligo formativo standard è pari a 150 crediti formativi con la possibilità, in virtù della formazione effettuata nel triennio precedente (2011-2013), di avvalersi di una riduzione fino a 45 crediti, secondo gli stessi criteri relativi alle riduzioni individuati dalla determina della CNFC del 17 luglio 2013.

L’obbligo formativo individuale è quindi così determinato:

Crediti acquisiti
nel triennio 2011-2013

Fabbisogno triennale 2014-2016

Fabbisogno annuale 2014-2016

Da 101 a 150

105

Da 17,5 a 52,5

Da 51 a 100

120

Da 20 a 60

Da 30 a 50

135

Da 22,5 a 67,5

Fatto salvo quanto riportato sopra, fermo restando che tutti gli infermieri dovranno acquisire, ogni anno del triennio, un ammontare di crediti ECM compreso in un range che va da un minimo del 50% ad un massimo del 150% dell’obbligo formativo annuo e tenuto conto delle determine adottate dalla CNFC in materia di criteri per l’assegnazione dei crediti alle attività ECM, si confermano le seguenti norme di dettaglio:

TIPOLOGIA

CREDITI

Docenza, tutor, relatore di formazione

I crediti acquisiti tramite docenza non possono superare il 50% obbligo formativo individuale triennale al netto di riduzioni, esoneri ed esenzioni.

 

  1. convegni congressi simposi conferenze
  2. attività di ricerca (FSC)
  3. gruppi di miglioramento (FSC)
  4. docenza e tutoring anche individuale

La somma dei crediti non può superare complessivamente il 60% dell’obbligo formativo individuale triennale al netto di riduzioni, esoneri ed esenzioni.

formazione “reclutata”

I crediti non possono superare 1/3 dell’obbligo formativo individuale triennale al netto di riduzioni, esoneri ed esenzioni

autoformazione per liberi professionisti

I crediti non possono superare il 10% dell’obbligo formativo individuale triennale al netto di riduzioni, esoneri ed esenzioni

Si ricorda che la Federazione Nazionale Collegi IPASVI ha dato comunicazione, con circolare n. 6/2013 del 22/02/2013 a tutti i Collegi IPASVI, che, dando seguito alle sollecitazioni in merito, ha ottenuto l’eliminazione del criterio che vincolava gli infermieri ad acquisire non oltre il 60% del monte dei crediti triennali ottenibili attraverso percorsi FAD.

I piani formativi annuali del Collegio IPASVI di Bologna  sono consultabili nella Rivista “L’Infermiere” e/o sul sito Internet : www.ipasvibo.it.
E’ possibile consultare la propria posizione ECM sul sito del Co.Ge.APS (anche se al momento i crediti risultano essere stati caricati solo parzialmente):
http://application.cogeaps.it/cogeaps/login.ot

Riduzione debito formativo zone colpite dal terremoto del maggio 2012

La Commissione Nazionale per la Formazione Continua nel corso della riunione del 20 giugno 2012 ha stabilito che il debito formativo dei professionisti sanitari domiciliati o che svolgono la propria attività presso le zone colpite dal terremoto del maggio 2012, di cui al decreto legge del 6 giugno 2012 n. 74, è ridotto da 100 a 50 crediti formativi nel biennio 2012-2013. Sono confermati 50 crediti formativi per l’anno 2011.
Complessivamente i richiamati professionisti sanitari dovranno acquisire 100 crediti formativi per il triennio 2011-2013.
Fonte: http://ape.agenas.it/bulletindetail.aspx?id=5

 

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy e Cookie Policy