Scelta della Modalità

L’esercizio libero professionale può essere svolto o in forma individuale o in forma collegiale.

– ATTIVITÀ SVOLTA IN FORMA INDIVIDUALE
L’esercizio libero professionale della professione Infermieristica può essere svolto in forma individuale secondo una delle seguenti modalità:
Apertura di una propria partita IVA.
L’esercizio della professione svolto con apertura di partita IVA dà la possibilità al professionista di poter prestare la propria attività nei confronti di qualsiasi tipo e numero di clienti desiderato.
Contratto di Collaborazione Coordinata e Continuativa.
L’esercizio della professione svolto con un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co) comporta che l’attività possa essere svolta solo nei confronti del committente o dei committenti con i quali sono stati conclusi i relativi contratti e secondo le disposizioni dei contratti stessi.
La normativa fiscale vigente ha inserito il reddito di co.co.co tra i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente. Ai soli fini fiscali pertanto è il committente che adempie a tutti gli obblighi relativi.
Il collaboratore nel caso detenga altri tipi di reddito o voglia portare in deduzione dalla dichiarazione dei redditi alcune spese deducibili, dovrà provvedere a compilare e presentare il modello Unico.
Chi esercita la libera professione con contratto di co.co.co. non deve pertanto tenere in considerazione i paragrafi riguardanti l’apertura della partita IVA, i regimi contabili, i registri contabili e la fatturazione.

– ATTIVITÀ SVOLTA IN FORMA COLLEGIALE
L’esercizio libero professionale della professione Infermieristica può essere svolto in forma collegiale secondo una delle seguenti modalità:
Associazione di professionisti.
L’associazione tra professionisti è una sorta di società in cui ogni associato, nei limiti stabiliti dal proprio statuto e regolamento interni, svolge in autonomia la propria attività. In questo caso l’apertura della partita IVA è a carico dell’associazione e non del singolo professionista associato.
Società tra Professionisti Società tra Professionisti (STP).
Le Società tra Professionisti, formate da soci professionisti iscritti ad Albi, Ordini e Collegi e, non obbligatoriamente, anche da soci non professionisti solo per prestazioni tecniche di supporto o di investimento, secondo uno dei modelli previsti dal nostro ordinamento:
• Società di persone (Ss, Snc, Sas);
• Società di capitali (Spa, Srl, Sapa);
• Società cooperative.
Qualunque sia la forma adottata, la ragione sociale dovrà essere sempre obbligatoriamente integrata con la dicitura “Società tra Professionisti” e la Società dovrà essere iscritta presso l’Ordine o Collegio dell’attività individuata nello statuto quale prevalente.
Cooperative
Le cooperative sono una sorta di società di capitali in cui lo scopo principale non è un fine di lucro, ma di interesse generale e cioè mutualistico.
Il socio di cooperativa può essere dipendente, libero professionista o collaboratore coordinato e continuativo e non può esercitare in un’istituzione pubblica.
Gli adempimenti di carattere fiscale-previdenziale cambiano quindi a seconda del tipo di rapporto che si instaura.
Agenzia
L’appartenenza ad un’Agenzia consente l’esercizio professionale presso strutture sanitarie pubbliche nella forma cosiddetta “d’appalto”.

 

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy e Cookie Policy