L’Ospedale di Comunità di Castel S. Pietro Terme

ISOL6057
Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Aperta recentemente la nuova Struttura Residenziale Cure Intermedie (SRCI) di Castel S. Pietro Terme (Bologna).

I 21 posti letto totali, distribuiti su 11 stanze di degenza per una superficie totale di 820 mq saranno destinati, per alcuni mesi, agli ospiti della Strutta Residenziale Cure Primarie (14 posti) e a quelli dell’Hospice (7 posti letto), trasferitosi temporaneamente dal 3° piano, dove a breve partiranno ulteriori lavori di ammodernamento strutturale.

SRCI ed Hospice costituiscono, insieme, l’Ospedale di Comunità (OsCo) di Castel San PietroTerme, una struttura territoriale a gestione infermieristica, la cui responsabilità è affidata alla dr.ssa Sabrina Gabrielli, Dirigente Infermieristico.

Altissimo il livello di confort alberghiero: stanze molto ampie e luminose da 2 posti letto al massimo, pareti colorate e quadri, televisori, bagni assistiti e dotati di box doccia, un ampio corridoio centrale ed un grande soggiorno comune in cui saranno anche ospitati momenti conviviali. Caratteristica di questa struttura è proprio lariproduzione di un’atmosfera famigliare e la massima umanizzazione degli spazi,in modo da rendere più agevole la riabilitazione e l’acquisizione di autonomiadegli ospiti e garantire la miglior qualità della vita durante soggiorni ingenere più lunghi di un ricovero ospedaliero.

La responsabilità diagnostica eterapeutica dell’OsCo è affidata ai medici: internisti e palliativisti nelleore diurne feriali e di continuità assistenziale nelle ore notturne, prefestivee festive. Sono ISOL6080inoltre assicurate le consulenze specialistiche, mediche e chirurgiche, diagnostiche e terapeutiche, in forma programmata.
Se con l’attivazione dell’Ospedale di Comunità, nell’aprile 2014, era completato il progetto organizzativo di sviluppo della struttura di Castel San Pietro T., oggi si è realizzato un importante step di miglioramento strutturale e funzionale del settore delle degenze territoriali, che troverà pieno compimento con il riammodernamento del 3° piano che, entro i primi mesi del 2016, riaccoglierà l’Hospice, con 14-15 posti letto, anziché i 12 presenti fino ad oggi, garantendo anche le cure palliative per malati non oncologici.

Nelle prime ore di questa mattina, prima del trasferimento degli 11 ospiti presenti al 3° piano (che nel periodo estivo ha garantito sia la funzione di Hospice che di SRCI), il Direttore Generale dell’Ausl di Imola Maria Lazzarato, il Sindaco di Castel San Pietro T. Fausto Tinti e la Vice Sindaco Cristina Baldazzi hanno visitato la nuova struttura per augurare un buon inizio di attività agli operatori presenti.

“Con la Casa della Salute e l’Ospedale di comunità di Castel S. Pietro Terme abbiamo riconvertito un piccolo ospedale garantendo servizi migliori alla comunità locale, ma anche a tutto il sistema aziendale ed avvicinandoci ai bisogni dei cittadini – ha spiegato il sindaco Maria Lazzarato – Obiettivi non facili, che abbiamo realizzato compiutamente qualificando la struttura e innovando l’organizzazione. Oggi siattiva una struttura davvero molto bella e confortevole, in cui le persone provenienti da un ricovero ospedaliero potranno migliorare il recupero dellefunzionalità residue in un ambiente piacevole e protetto, prima del ritornoalla loro casa. Per tutto questo vorrei ringraziare in primis i nostri professionisti: i tecnici che hanno seguito i lavori, i medici e soprattutt ogli operatori dell’assistenza, che hanno saputo cogliere questa sfida innovativa e mettersi in gioco”.

 

Fonte articolo e foto: sito web Ausl di Imola

Potrebbe interessarti...