Additivi alimentari: ogni italiano ne assume 1 kg l’anno

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

In Italia, ogni anno, ogni persona assume in media un Kg di additivi. In America almeno il doppio. Si tratta di sostanze che servono a rendere i cibi più gustosi o a conservarli più a lungo, a farli apparire più allettanti migliorandone il colore, a combattere le contaminazioni da germi.

Sono oltre 360 gli additivi alimentari in uso, tra conservanti, stabilizzanti e coloranti. Ai quali vanno aggiunti gli oltre 3000 aromi che tutti i giorni arrivino sulle nostre tavole.

Aromi e additivi che spesso sono causa di vere e proprie allergie. Gli allergici/intolleranti agli additivi sono il 4% di tutti coloro che non tollerano uno o più cibi: poco meno di 100.000 persone, ma sono in continuo aumento secondo le stime presentate al XXIX congresso nazionale della Società italiana di allergologia, asma e immunologia clinica (Siaaic) in corso a Napoli.

Sono oltre 5 milioni gli italiani allergici al nichel, con sintomi sistemici e gastrointestinali importanti.

Così, per venire incontro alle esigenze di questi pazienti e degli oltre 2 milioni di italiani allergici a uno o più alimenti, Siaaic promuove corsi di formazione per ristoratori e gestori di esercizi alimentari per far sì che mangiare fuori casa non costituisca un pericolo. “Le minacce nel piatto – spiega Giorgio Walter Canonica, presidente Siaaic – non si limitano ai cibi che più spesso provocano allergie alimentari come le nocciole, la frutta o la verdura, il pesce: ne esistono di più nascoste ma non per questo meno insidiose. Sempre più spesso, in adulti e bambini disturbi dalle cause incerte trovano le loro origini negli additivi: intolleranze alimentari, dermatiti e molte allergie sono dovute proprio a un accumulo di additivi nell’organismo”.

Fonte: Adnkronos

 

Potrebbe interessarti...