Al Gemelli simulazione maxi emergenza chimica

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Al Gemelli di Roma, simulata,  maxi emergenza sanitaria . Molte persone, in un centro congressi, si sono sentite male, accusando malori a seguito di un incidente chimico in città e il policlinico romano è stato scelto per accogliere le vittime e gestire l’emergenza, per testare procedure e limiti del sistema.

Esercitazione Maxi Emergenza 28-09-2016 (21)E’ stata organizzata dagli specialisti della Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica e del Policlinico Gemelli, l’esercitazione di una Maxi Emergenza/PEIMAF (Piano Emergenza Interno Massiccio Afflusso Feriti) nel quadro del Progetto cofinanziato dalla UE e intitolato EDEN (European End User Driven Demo for CBRNe), che ha come scopo quello di migliorare la risposta a incidenti CBRNe (chimici, biologici, radiologici, nucleari, esplosivi). Più di cento invitati, provenienti anche da Paesi europei ed extra-europei, sono all’opera più di quaranta unità del personale sanitario nel soccorso di trenta vittime simulate ma ‘realistiche’, molto agitate e con difficoltà a respirare. Sono otto le ambulanze coinvolte, con la costituzione di una unità di crisi sul luogo e le attività conseguenti, quali la rapida installazione di una tenda per la decontaminazione dei feriti (spogliati e lavati) la speciale vestizione del personale ospedaliero per il rischio chimico.  il professor Daniele Gui, Docente di chirurgia generale all’Università Cattolica e responsabile della UOC Chirurgia d’Urgenza del Gemelli nonché partner scientifico del Progetto, spiega che  è un’importante occasione per testare le potenzialità del Policlinico, le risorse di cui si dispone e come utilizzarle al meglio.

Il sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi ha spiegato che queste esercitazioni sono essenziali anche per testare la validità della nostra organizzazione perché oggi non c’è Paese sicuro contro il terrorismo, per questo ringrazio il Policlinico Gemelli per quello che sta facendo. Il corso continuerà domani con alcune esercitazioni di carattere più tecnico.

Di Carlotta Pasquali

FONTE ANSA

Potrebbe interessarti...