Colangiopancreatoscopia. Al Maggiore diagnosi precoce con endoscopio supersottile

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Individuare precocemente, e con estrema accuratezza, eventuali patologie oncologiche del pancreas e delle vie biliari, a garanzia di interventi chirurgici sempre più mirati. Sono questi, in sintesi, i vantaggi della Colangiopancreatoscopia, procedura di visualizzazione diretta del sistema biliopancreatico praticata all’Ospedale Maggiore di Bologna con l’utilizzo di un innovativo endoscopio supersottile.

Si tratta di una tecnologia di ultima generazione che garantisce immagini ad altissima risoluzione, costituita da un controller e da un catetere monouso. In virtù delle dimensioni ridotte consente ai medici di inquadrare perfettamente le aree da analizzare, e di effettuare, se necessarie, biopsie mirate.

La Colangiopancratoscopia è al centro della European Cholangioscopy Conference, la due giorni al via il 15 dicembre all’Ospedale Maggiore, che riunisce i più autorevoli esponenti europei di questa metodica. Nel corso della Conferenza, con la direzione scientifica di Vincenzo Cennamo, responsabile della Gastroenterologia dell’Azienda Usl di Bologna, saranno approfondite le attuali indicazioni e le future prospettive della Colangiopancreatoscopia, in particolare la possibilità di individuare più precocemente i tumori ed anche, in prospettiva, lesioni precancerose.

La nuova metodica arricchisce l’approccio multidisciplinare del Centro per il trattamento della patologia bilio-pancreatica ed epatica dell’Ospedale Maggiore, che nel 2015 ha effettuato oltre 1.000 esami endoscopici, diagnostici ed interventistici. (Fonte Ausl Bologna)

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy