Disabilità. Dal “Dopo di noi” ai nuovi LEA: un anno di Leggi

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

IL SOCIALE NEL 2016. Leggi importanti, molto attese da famiglie e associazioni e arrivate in porto dopo un lungo e travagliato lavoro. La legge sul Dopo di noi istituisce un fondo per chi e” privo di sostegno familiare. I nuovi Lea riscrivono i criteri di assistenza e il nomenclatore tariffario. E il fondo per la non autosufficienza sale a 500 milioni (RED.SOC.).

– ROMA – La disabilita’, nel 2016, ha fatto terno: tre infatti sono le leggi portate a casa in quest’ultimo anno. Leggi tutte molto attese da famiglie e associazioni e arrivate in porto dopo un lungo e travagliato lavoro. In ordine di tempo, la prima ad essere stata approvata e’ stata quella per il Dopo di noi, seguita dal decreto sui nuovi Lea e, proprio sul finire dell”anno, dal decreto che sancisce l’aumento del fondo per la non autosufficienza.

 

hospice-1761276_960_720Dopo di noi

La legge n. 112 del 22 giugno 2016 e’ frutto di un lungo lavoro e di successivi interventi correttivi, per rispondere almeno ad alcune delle osservazioni delle associazioni. 10 gli articoli finali delle normativa, che ha lo scopo di assicurare “misure di assistenza, cura e protezione nel superiore interesse delle persone con disabilita’ grave, non determinata dal naturale invecchiamento o da patologie connesse alla senilita’, prive di sostegno familiare in quanto mancanti di entrambi i genitori o perche’ gli stessi non sono in grado di fornire l’adeguato sostegno genitoriale, nonche’ in vista del venir meno del sostegno familiare, attraverso la progressiva presa in carico della persona interessata gia’ durante l’esistenza in vita dei genitori”.

E a tale scopo si istituisce un fondo dedicato: 90 milioni di euro per l’anno 2016, in 38,3 milioni di euro per l’anno 2017 e in 56,1 milioni di euro annui a decorrere dal 2018. Le risorse serviranno per “attivare e potenziare programmi di intervento volti a favorire percorsi di deistituzionalizzazione e di supporto alla domiciliarita’ in abitazioni o gruppi-appartamento che riproducano le condizioni abitative e relazionali della casa familiare (…) al fine di impedire l’isolamento delle persone con disabilita’ grave”. La legge contiene poi indicazioni su detrazioni per le polizze assicurative dedicate e per il “trust” e altri istituti economici utilizzabili dai genitori delle persone gravemente disabili, allo scopo di assicurare un futuro adeguato ai propri figli.

La legge – lo ricordiamo – e’ stata variamente criticata dalle associazioni e dalle famiglie, principalmente per il rischio di sostenere, anziche’ disincentivare, il ricorso all’istituzionalizzazione.

 

wheelchair-538978_960_720I nuovi Lea

Promessi a piu’ riprese dagli ultimi ministri della Salute, i nuovi Lea hanno visto la luce proprio alla fine dell’anno. Il primo annuncio in un tweet della ministra Lorenzin, il 21 dicembre: “Appena firmati i nuovi Lea e il Nomenclatore delle protesi. Un risultato importante per la salute dei cittadini”.

In estrema sintesi, il decreto definisce i criteri dei nuovi Livelli essenziali di assistenza in 3 ambiti: “prevenzione collettiva“, “assistenza distrettuale” e “assistenza ospedaliera“.

Una delle principali novita’ rispetto al vecchio decreto e’ rappresentata dal nuovo nomenclatore sull’assistenza protesica, insieme all’aggiornamento degli elenchi delle malattie croniche e della patologie rare. Aggiornamenti, tutti questi, che si attendevano con particolare apprensione, visto che, dal 2001 (data a cui risale il vigente decreto) ad oggi, tanti sono stati i progressi in ambito protesico-tecnologico, medico e scientifico. Un novita’ importante, insomma, che pero’ non soddisfa affatto le principali associazioni per la disabilita’, rappresentate dalla Fish, che boccia decisamente il decreto: “Pur apprezzando lo sforzo delle Commissioni di emendare il testo – commenta il presidente Falabella – questo rimane inemendabile, come avevamo gia’ sottolineato anche in audizione”. Nonostante le proposte di assestamento, infatti, relative in particolare ad alcuni aspetti dell’assistenza protesica, comunque minime ed insufficienti, per la Fish il testo rimane largamente insoddisfacente.

 

Fondo non autosufficienza

Ultima novita’ giuridica dell’anno e’ l”aumento del Fondo per la non autosufficienza, avvenuto il 23 dicembre tramite il decreto legge che contiene misure urgenti volte ad affrontare situazioni di criticita’. Il fondo passa cosi’ da 450 a 500 milioni, come il ministro Poletti aveva promesso il 30 novembre durante il Tavolo straordinario con associazioni e sindacati, convocato per scongiurare nuove proteste del Comitato 16 novembre. Soddisfazione solo parziale, pero’: “I 50 milioni sono un contentino, scaturito dall’ennesimo nostro presidio di protesta, che ha messo alle strette il governo, il quale ci avrebbe altrimenti liquidato con 450 milioni – commenta Mariangela Lamanna, vicepresidente del Comitato 16 Novembre – Ma il Fondo e’ ancora insufficiente, 500 milioni non bastano e lo sappiamo tutti – rilancia Lamanna – Bisogna lavorare, anche il prossimo anno, per aumentarlo, come il governo si era impegnato a fare, promettendo 200 milioni in piu’ per il 2017 e ulteriori 200 per il 2018”. La richiesta per il nuovo anno e’ quindi che “il fondo arrivi, nel corso del 2017, a 600 milioni, anche con interventi straordinari. Come sempre, vigileremo affinche’ questo accada”. (cl) (www.redattoresociale.it)

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy