I dentini provocano la febbre? Un mito da sfatare

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Un importante studio pubblicato sulla prestigiosa rivista “Pediatrics” mette in discussione l’associazione tra lo stato febbrile dei bambini e la dentizione.

La crescita dei dentini può rendere i bambini irritabili, nervosi, con una sintomatologia legata alla infiammazione gengivale (dolore e aumento salivazione), ma non dà febbre sopra i 38 gradi. Quindi la tendenza ad associare alcuni episodi febbrili ai dentini che escono è sbagliata e può essere fuorviante da un punto di vista diagnostico.

foto di Thomas Ricker https://www.flickr.com/photos/trixer/

foto di Thomas Ricker https://www.flickr.com/photos/trixer/

A rivelarlo una “metanalisi” condotta dal dr. Michele Bolan dell’Università Federale di Santa Catarina in Brasile, che ha analizzato numerosi studi svolti in tutto il mondo sull’argomento.

Rianalizzando tutti i dati raccolti in questi lavori, i ricercatori hanno così sconfessato un’idea diffusa, e cioè il fatto che la dentizione faccia ammalare i bambini con febbre e altri sintomi.

Invece è emerso che la sintomatologia tipica della dentizione è limitata a irritabilità, gengive infiammate, salivazione e al massimo un’alterazione lieve della temperatura corporea non considerabile febbre. Per di più i maggiori fastidi si hanno con l’arrivo dei primi dentini, in particolare degli incisivi e poi successivamente la dentizione tende a procedere in modo più indolore per il bambino.

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti...