La medicina narrativa. Fondamentale per chi narra e per chi legge

hands-423794_640
Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Il paziente racconta come ha superato la malattia ed al contempo fa conoscere quanta vita c’è dietro ad una storia. Questa è la funzione della medicina narrativa. A spiegarlo è il Prof. Carlo Pinto, Presidente dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), nel corso della presentazione della rubrica di medicina narrativa del Canale Salute e Benessere dell’Ansa, svoltasi stamattina al Ministero della Salute.

Le cure oggi sono in grado di allungare la sopravvivenza dalle malattie: “le storie narrate dai pazienti aiutano a capire che cosa c’è dietro cinque mesi di sopravvivenza in più”. Dietro anni o mesi di vita in più che alcune cure sono oggi in grado di garantire, “ci può essere – specifica Pinto – un viaggio importante, la laurea di un figlio, una storia umana da completare. Cose che solo chi ha superato malattia sa comunicare e che permettono anche noi medici di lavorare meglio”.

Comunicare queste informazioni, “è quello di cui i malati hanno bisogno, ma hanno bisogno anche di leggere le storie di esperienze altrui. D’altronde, sottolinea la comunicazione oggi “è un aspetto rilevante anche nella malattia, e non abbiamo paziente che non vada su internet o non legga storie di altri che hanno vissuto l’esperienza che si trova ad affrontare”.

Perché, conclude l’esperto, “attraverso la narrazione di chi ce l’ha fatta, si può passare dalla probabilità astratta alla possibilità concreta di guarire”.

 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy