Lazio. 104 posti letto in più per cure palliative

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Nel Lazio ci saranno 104 posti letto residenziali in piu’ negli hospice per i malati terminali. Lo ha deciso la Regione, che pochi giorni fa ha ridefinito la stima del fabbisogno regionale con un incremento che passa da 390 posti letto attuali a 494. Inoltre aumenta di altri 400 posti la capienza per l’assistenza domiciliare, con una disponibilita’ complessiva di 2.000 posti. “Il Lazio si e’ posizionata come una delle regioni piu’ avanzate per le cure palliative, ossia l”assistenza ai malati terminali” ha detto, all’agenzia Dire, Giuseppe Casale, coordinatore sanitario di Antea, l’hospice situato all’interno del Santa Maria della Pieta’, il primo aperto nel Lazio. “Grazie a questo incremento i cittadini potranno avere un’assistenza adeguata- ha continuato Casale- Il Lazio e’ l”unica regione in Italia che ha gli hospice collegati con le cure palliative domiciliari e questo permette al cittadino di avere sia a casa sia in luogo residenziale l’assistenza piu’ adeguata e non ricorrere agli ospedali”. Nel Lazio nel 2015 sono stati assistiti nei 26 hospice della rete cure palliative 4.981 pazienti, di questi 3.203 malati oncologici e 1.778 con altre patologie. La meta’ di questa rete e’ a Roma. Con il decreto la Regione incrementa lo standard regionale di posti residenziali in hospice portandolo da 1,2 ogni 56 deceduti per tumore a 1,7.

Fino a domani e’ in corso a Roma il congresso della Sicp (Societa’ italiana cure palliative) dove si sta parlando anche della riorganizzazione della rete delle cure palliative a livello di ogni singola azienda. In tal senso la Regione ha appena approvato il decreto. All Rete locale di cure palliative e’ demandato il compito di organizzare l’erogazione delle attivita’ nei diversi setting assistenziali. L’Asl deve formalmente istituire un Coordinamento aziendale della Rete con le funzioni di tutela del diritto del cittadino ad accedere alle cure palliative; attivazione di un sistema integrato di erogazione di cure palliative domiciliari, in hospice, nelle strutture residenziali e ospedaliere, aziendale e interaziendale; definizione e attuazione nell’ambito della rete, dei percorsi di presa in carico e di assistenza in cure palliative. (Mel/ Dire)

Potrebbe interessarti...