Stomia e comunicazione nel rispetto del malato. A Montesilvano il Congresso AIOSS

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

 

Untitled-4

In provincia di Pescara il primo congresso nazionale biennale Aioss per discutere di crescita professionale.

.

Fra gli ospiti della prima giornata, anche la presidente nazionale della Federazione Collegi Ipasvi, Barbara Mangiacavalli, che, alle 17, interverrà con una lectio magistralis dedicata a: “Sanità e mass-media fra dubbi, dibattiti, accuse e risposte: le eccellenze e gli orrori in un sistema sanitario sempre più esposto”.

Il programma parte giovedì 13 ottobre, con: “Geriatria, stomia, incontinenza. I fondamenti del progetto assistenziale riabilitativo” che avrà lo scopo di: far conoscere i principi caratterizzanti il management assistenziale e riabilitativo dell’anziano con stomia urinaria o intestinale; identificare le situazioni cliniche, pianificare e implementare l’assistenza attraverso un approccio olistico e relazionale coerente con i bisogni del paziente e dei caregiver e promuovere processi educativi a sostegno della famiglia per assicurare la continuità assistenziale e riabilitativa. Poi, con: “Il paziente portatore di stomia: dal colloquio preoperatorio alla relazione terapeutica” per fornire conoscenze su: definizione, classificazione e gestione delle stomie e complicanze; stoma-care; analisi e risoluzione di problemi che si possono presentare nelle fasi del processo clinico- riabilitativo del paziente con stomia; strategie di relazione d’aiuto che favoriscano compliance nel paziente portatore di stomia e a determinarne lo sviluppo di tecniche di coping efficace. Infine, “Metti in corner la Peg” che ha lo scopo di far applicare, nella pratica quotidiana, i principi e le procedure dell’evidence based practice. Questo, per conoscere lo specifico assistenziale e saper fornire assistenza alla persona portatrice di Peg, rispettando la buona pratica assistenziale; agire con competenza e responsabilità nella gestione delle stomie nutrizionali e riconoscere le criticità assistenziali relative alla persona assistita portatrice di stomia nutrizionale.

Quindi, due specifici corsi sulla comunicazione. Il primo, “L’uso di facebook e dei social network in sanità: le responsabilità professionali” per insegnare ad applicare nella pratica quotidiana i principi di etica, bioetica e deontologia, ma pure ad acquisire abilità e conoscenze su contenuti etici e deontologici relativi alla riservatezza e al trattamento dei dati sensibili sui social; applicare le tecniche per una corretta e lecita modalità di comunicazione professionale, attraverso l’uso dei “social network” ed adottare nella pratica quotidiana quelle procedure tese ad evitare la divulgazione di immagini e dati sensibili. Il secondo: “Tecniche e metodologie d’informazione sanitaria. Dalla trasmissione di messaggi alla comunicazione dei processi terapeutici, dalla presa in carico all’educazione terapeutica” per parlare di comunicazione efficace, privacy e consenso informato. Chi vi parteciperà sarà in grado di: adottare abilità e strategie di comunicazione efficace; condividere esperienze, emozioni e sensazioni comprendendo il punto di vista del paziente; mettersi in empatia con il paziente allo scopo di identificare le situazioni che possono creare disagio all’interno della comunicazione.

Venerdì 14, verranno ribaditi gli stessi corsi di giovedì; mentre, sabato 15 ottobre con: “Ciak si gira. Stomaterapia e deontologia in scena”, gli esperti, tra cui la vicepresidente nazionale Ipasvi, Adele Schirru, risponderanno a proposito del “corpo” del paziente stomatizzato.
Conclusioni previste nella prima mattinata ed affidate al presidente Aioss, Gabriele Roveron.

Il Programma

Fonte: FNC IPASVI

Potrebbe interessarti...