Un infermiere eletto per la prima volta nel direttivo nazionale della Simeup

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Nell’ambito del Convegno “25 anni di Emergenze Pediatriche SIMEUP”, si sono svolte presso l’Aula Magna della Clinica Pediatrica,Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria Infantile del Policlinico “Umberto I” di Roma, le elezioni a “Coordinatore Nazionale dell’Area Infermieristica” della  SIMEUP .

La  Società Scientifica  da 25 anni opera a livello nazionale e internazionale nell’ambito della emergenze pediatriche intra ed extra ospedaliere,  annoverando tra le tante attività percorsi di formazione rivolti sia a laici che professionisti per fronteggiare le maggiori emergenze pediatriche (BLSD, PBLSD, corsi per tossicologia, ecografia, triage, maxiemergenze, PEARS, PALS, ecc), l’emanazione di linee guida, la ricerca scientifica, la sensibilizzazione sociale sulle emergenze pediatriche attraverso la realizzazione in più di 40 piazze italiane dell’evento “una manovra per la vita” per insegnare gratuitamente alla popolazione le manovre antisoffocamento.

Il Direttivo Nazionale della SIMEUP, Presieduto dal Prof. Riccardo Lubrano ha aperto per la prima volta nella sua storia, il CDN agli Infermieri.

A essere eletto è stato all’unanimità Giuseppe Casile, infermiere iscritto al collegio di RC, da sempre estremamente attivo nella formazione e nella sensibilizzazione sociale alla diffusione capillare della cultura dell’emergenza/urgenza, il quale ha fondato nel Gennaio del 2009, insieme con altri colleghi, l’Associazione Culturale Help, con lo scopo di organizzare percorsi formazione rivolti (ECM, BLSD, PBLSD, Master, ecc) rivolti sia a sanitari che a laici, per divulgare la cultura dell’aggiornamento continuo e la sensibilizzazione alle emergenze.

“La mia elezione, – commenta Casile – rappresenta non tanto una vittoria personale, quanto un vero successo di squadra. Da anni, la mia opera, e quella dell’Associazione  che  presiedo, sono state votate alla divulgazione della cultura dell’emergenza, con particolare attenzione alla tutela dei bambini. Le nostre attività di formazione hanno avuto un grande seguito, abbiamo lavorato e seminato tanto”. Conclude: “particolarmente virtuosa, è stata la sinergia scaturita dalla collaborazione con la SIMEUP. Molti componenti della nostra Associazione, infatti, sono anche istruttori certificati da questa Società Scientifica. Ricordo ancora il primo corso organizzato insieme, quando per la prima volta la Dott.ssa Stefania Zampogna (Vice Presidente Nazionale SIMEUP) ed il Dottor Giovanni Capocasale (presidente commissione nazionale BLSD) si recarono a Reggio Calabria per certificarci come istruttori. A loro va un sentito ringraziamento per l’attenzione ed il supporto che hanno avuto nei confronti del mio percorso all’interno della SIMEUP,come  un ringraziamento particolare va anche ai colleghi Vincenzo Ieracitano (Coordinatore Infermieristico UOC Pediatria di RC) e Maria Coniglio (Coordinatrice UOC Terapia Intensiva Neonatale di RC), perché loro per primi mi hanno condotto e presentato all’interno della Società”.

“L’elezione di Casile rappresenta uno tassello importante per tutta la categoria infermieristica di Reggio e soprattutto nazionale .È importante  poter celebrare con messaggi positivi e di speranza, i suoi figli che riescono ad esprimersi concretamente anche a livello nazionale.”dichiara Giuseppe Romeo, Infermiere e Responsabile Scientifico dell’Associazione Culturale Help .

Romeo aggiunge: “Garantiremo a Casile, che ringrazio per il profondo impegno e la dedizione, tutto il supporto necessario a poter svolgere al massimo delle potenzialità il suo ruolo nella SIMEUP, auspicando che possa essere volano di una crescita esponenziale della professione infermieristica che, partendo da Reggio, possa apportare innovazione e sviluppo all’interno della Società Scientifica”.

Ora le idee sono tante, la voglia e la determinazione di metterle in pratica non mancano. Casile promette massimo impegno nell’onorare questo incarico, tanta passione, e soprattutto  nuovi progetti  da realizzare attraverso la SIMEUP, per costruire insieme agli infermieri che vorranno aggregarsi e prenderne parte attiva una migliore qualità da offrire a tutti i pazienti, in particolar modo ai bambini, nei momenti difficili, soprattutto nelle emergenze pediatriche.

Fonte: FNC IPASVI

Foto in copertina: http://www.stefanovian.it/wp-content/uploads/2014/05/muckup-simeup-1.jpg

Potrebbe interessarti...