Informativa sui cookie

Antidoping. Ricerca Toscana: 7,5% degli atleti usa anabolizzanti, diuretici, cannabinoidi

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Lo rivela l’indagine Laboratorio di Tossicologia Clinica e Antidoping dell’Azienda USL Toscana centro su un campione di 2.787 sportivi. La maggior parte degli atleti usa cannabinoidi (RED.SOC.)

– FIRENZE – Il 7,5% degli atleti fa uso di anabolizzanti, stimolanti, diuretici, cortisonici, cannabinoidi ed altre sostanze vietate. E’ il frutto di una ricerca condotta dal Laboratorio di Tossicologia Clinica e Antidoping dell’Azienda USL Toscana centro su un campione di 2.787 sportivi.

La maggior parte dei positivi (70%) e’ costituita da cannabinoidi (148 campioni); gli stimolanti rappresentano il 17% dei positivi (35 campioni) e gli anabolizzanti il 13% (27 campioni). “Trattandosi di campioni di volontari – riferisce il dottor Roberto Baronti, responsabile del laboratorio – il risultato e’ comunque sorprendente e comunque e’ molto piu’ alto dei risultati della Commissione vigilanza sul doping, che riporta una positivita’ totale del 3,4%”. Nel frattempo, ha ottenuto la nuova certificazione di validita’ triennale a seguito dalla visita ispettivadell’Istituto Superiore di Sanita’il Laboratorio di Tossicologia Clinica e Antidoping dell’Azienda USL Toscana centro.

Il Laboratorio e’ a valenza regionale e la Toscana e’ stata la prima ad aprirlo a livello nazionale e sempre la prima ad accreditarlo nel 2007. Istituito con l’obiettivo di tutelare la salute di chi pratica l’attivita’ sportiva il laboratorio effettua controlli antidoping finalizzati alla prevenzione del fenomeno.

Potrebbe interessarti...