Fumo, 80mila morti l’anno in Italia. Lorenzin: “Tassa sul tabacco è tassa contro la morte”

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

Il ministro della Salute durante la presentazione del Rapporto Aiom (DIRE – Notiziario settimanale Sanita’)

Roma, 3 mag. – “Le tasse sul tabacco sono tasse contro la morte, cosi’ come e’ stato definito dall’Oms e cosi’ come viene praticato in tutti i Paesi civili del mondo”. Cosi’ il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in occasione della presentazione a Roma del Rapporto Aiom sullo ‘Stato dell’oncologia in Italia 2017′. “La battaglia contro il fumo e’ la prima battaglia di prevenzione: il fumo da’ 80mila morti l’anno in Italia- ha proseguito Lorenzin- ed e’ la prima causa del cancro. Sulle donne abbiamo un incremento enorme del cancro al polmone correlato al fatto che le donne oggi fumano da giovanissime e per lungo tempo, cosa che nel passato non avveniva”.

Gli uomini, di contro, hanno smesso di fumare, e mentre “e’ diminuito il cancro al polmone negli uomini- ha sottolineato ancora il ministro- e’ aumentato nelle donne. Queste sono battaglie di vita, neanche di civilta’, e dobbiamo fare in modo che le persone abbiano paura di fumare: questa non e’ una cosa banale, ma un fatto che aiuta a salvarti la vita e a prevenire alcune patologie. Per questo io non sono contraria alle tasse sul tabacco, perche’ e’ uno dei metodi adottati dall’Organizzazione mondiale della sanita’ per dissuadere le persone a fumare. Noi abbiamo vietato il fumo ai minorenni, ora bisogna applicare le norme- ha infine concluso- e fare controlli perche’ non siano vendute loro sigarette”. (Red/ Dire)

Potrebbe interessarti...