Gelicidio, ecco come il S.Orsola ha provato a far fronte all’emergenza

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

image1-720x4801-600x400È arrivata al Pronto Soccorso per portare un’amica ferita. E qui all’ora di pranzo ha visto entrare in sala d’attesa infermieri e operatori socio-sanitari con panini, brioches, yogurt, acqua e the caldo per tutti quelli che erano in attesa. “Sono rimasta stupita, quasi commossa – racconta Argia sul Bologna – Il Resto del Carlino di oggi – i bagni sono stati puliti più volte e c’era personale per tranquillizzare i pazienti in attesa”. Piccoli gesti che si sono uniti alle azioni messe in campo per gestire l’emergenza e contenere il più possibile i disagi.

Grazie a un’idea del personale del Pronto Soccorso e alla collaborazione delle Cucine del Sant’Orsola, all’ora di pranzo e di cena sono stati distribuiti panini, brioches, yogurt, the caldo e acqua, per rendere un po’ meno pesante l’attesa e contenere il disagio.

Foto tratte dalla pagine Facebook del Policlinico link

 

15936722_1744724359188457_7375589008044208401_o 15936751_1744724072521819_6960659502016836407_o 15972415_1744724452521781_8633038656104755535_o 15995272_1744724139188479_3182863680628280275_o
16112977_1744723525855207_4291036863873946490_o

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy