In Italia un adolescente su 5 e’ vittima di bullismo

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter
Nell’ultimo anno il 50% ha subito qualche episodio offensivo (DIRE – Notiziario settimanale Minori)

Circa il 20% degli adolescenti in Italia e’ frequentemente vittima di bullismo fuori e dentro il contesto scolastico, mentre nell’ultimo anno il 50% ha subito qualche episodio offensivo, non rispettoso o violento da parte di altri ragazzi o ragazze, il 47% dei minori presi in carico dai servizi ha subito forme di trascuratezza materiale o affettiva, il 10,6% delle donne ha subito abusi sessuali prima dei 16 anni e lo 0,8% e’ stata vittima di forme di abuso sessuale gravi come lo stupro.

Sono alcuni dei dati che emergono dal Rapporto italiano dello “Studio Multi-Paese sui drivers della violenza all’infanzia“, condotto da un team di ricercatori dell’Istituto degli Innocenti sotto la supervisione dell’Unicef Office Research e dell’Universita’ di Edimburgo. Si tratta del primo studio complessivo di questa portata, realizzato su tutte le piu’ importanti indagini effettuate sul tema della violenza sui minori in Italia negli 15 anni, al fine di identificare i fattori che predispongono al rischio di abusi e maltrattamenti.

Il Rapporto rappresenta la conclusione della prima fase di un progetto internazionale che coinvolge, oltre all”Italia, Zimbabwe, Vietnam e Peru’, con l’obiettivo di ottenere un quadro complessivo sui dati statistici ed essere in grado di mettere a punto interventi efficaci a scopo di prevenzione. La ricerca, durata quasi due anni, ha preso in considerazione 237 indagini, tra le quali ne sono state scelte 59 tra le piu” complete e approfondite per effettuare ulteriori analisi. Il risultato e’ condensato in una ottantina di pagine di Rapporto – comprensivo di glossario di termini e definizioni – che traccia un quadro sui principali drivers che conducono alla violenza nei confronti dei minori. Al di la’ delle dinamiche familiari, infatti, lo studio indaga gli elementi di carattere piu” strutturale, come la situazione economica, politica e culturale di una comunita”, come possibili fattori di rischio. Entrando nello specifico del rapporto, le donne che hanno dichiarato di essere state umiliate all”interno della propria famiglia durante l”infanzia e l”adolescenza sono risultate avere una probabilita” 14 volte superiore di subire maltrattamenti gravi e coloro che hanno assistito a liti familiari hanno una probabilita” di essere maltrattate sette volte superiore.

Anche assistere alla violenza domestica puo’ avere gravi ripercussioni sui minori. L”Istat ha rilevato che la probabilita’ che le persone compiano atti di violenza intima sui propri partner aumenta dal 5,2% al 22% se hanno assistito alla violenza del padre sulla propria madre. Da “Vite in Bilico” emerge che il 64% delle donne vittime di abusi sessuali e’ stata esposta a situazioni di elevata conflittualita” familiare e il 48% ha assistito a episodi di aggressioni verbali, offese e svalutazioni ai danni di un altro parente. La violenza domestica puo” anche significare un fattore di rischio per lo sfruttamento sessuale, come riportato da altre indagini esaminate in questo contesto. Ma la violenza subita non accresce solo il rischio di diventare vittime. La probabilita’ che le persone compiano atti di violenza intima sui propri partner aumenta dal 5,2 al 35,9% se sono state fisicamente abusate dalle proprie madri. L’esposizione alla violenza e’ inoltre uno dei drivers che spinge a sviluppare forme di bullismo, agito o subito. Uno studio locale condotto in Toscana ha riscontrato che i “bulli a tempo pieno” costituiscono il 7,2% della popolazione, mentre i “bulli temporanei” rappresentano il 37,3% della popolazione studentesca. (Wel/ Dire)

Potrebbe interessarti...

Iscriviti alla nostra Newsletter

Desidero iscrivermi alla Newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali per tale finalità, alle condizioni indicate nella Privacy Policy