NMC: OET nuovo esame di lingua dal primo novembre in U.K

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

N.M.C introduce una possibilità in più per certificare la conoscenza della lingua inglese agli stranieri

NMC

Nell’ultimo consiglio tenutosi qualche settimana fa all’NMC, ordine delle professioni infermieristiche ed ostetriche del Regno Unito, sono state introdotte le nuove modalità di certificazione da parte del personale non madrelingua, notizia che sembra essere confermata.

Gl’infermieri stranierei, dal mese prossimo avranno una opzione in più per certificare la conoscenza della lingua, anziché l’attuale opzione singola.

Stiamo aumentando le opzioni disponibili per infermieri e ostetriche per dimostrare la necessaria padronanza dell’inglese.

jackie Smith (Chief executive NMC)

Nel frattempo, quelli provenienti dall’Unione Europea non dovranno più certificare il superamento di un esame, se dimostrino di aver studiato infermieristica in inglese o  che hanno lavorato in precedenza in un paese in cui era lingua “nativa”.

L’esame del sistema internazionale di test di lingua inglese (IELTS) che l’NMC utilizza è  in vigore dal 2007 per i candidati al di fuori della UE e dello spazio economico europeo, anche se i candidati, provenivano da paesi come l’Australia o la Nuova Zelanda, dove l’inglese è la prima lingua .

Inoltre, a partire dal gennaio 2016, gli infermieri e le ostetriche provenienti dall’Europa hanno dovuto dimostrare le competenze linguistiche dell’inglese per lavorare in modo sicuro ed efficace nel Regno Unito, passando l’IELTS o certificando esperienze lunghe di lavoro in paesi anglofoni.

Tuttavia, i requisiti, in particolare il test controverso IELTS, sono stati accusati  di impedire la capacità  di reclutare personale straniero nei reparti e anche di dissuadere l’intenzione a candidarsi.

Infermieri e agenzie di reclutamento avevano già esposto che il test sarebbe stato di un livello troppo elevato e avrebbe ritardato il reclutamento vitale  di infermieri non inglesi, necessario per aiutare a riempire la carenza di personale nel Regno Unito.

Il personale dell’estero ha dichiarato in media tra otto mesi e un anno per passare lo IELTS ed  a seguito di diversi tentativi. Solo il 50% dei potenziali candidati ha avuto un successo.

Di conseguenza, nel mese di maggio di quest’anno, la NMC ha accettato di tenere uno “stocktake” del test IELTS per decidere se necessarie delle modifiche, mentre i datori di lavoro ei sindacati sono stati consultati sui risultati.

Dopo di ciò, il NMC ha annunciato oggi che “ha messo a disposizione opzioni alternative” per infermieri e ostetriche che provengono da paesi al di fuori del Regno Unito per “dimostrare la loro capacità  linguistica in inglese”, ma ha mantenuto la propria opinione secondo cui il il livello non dovrebbe essere abbassato per superare lo IELTS .

Di conseguenza, a partire dal 1 ° novembre, il NMC accetterà l’Occupational English Test (OET) come prova della competenza linguistica inglese e lo IELTS.

L’OET è già utilizzato in Australia e valuta la lingua inglese in un contesto di assistenza sanitaria  a differenza dello IELTS che è stato criticato per essere troppo accademico.

Inoltre, infermieri e ostetriche qualificate al di fuori dell’UE o dell’AEA, che comprendono parti della Scandinavia, potranno ora dimostrare la competenza linguista in  inglese in altri due modi.

Ad esempio, potranno certificare di aver sostenuto il corso di laurea in infermieristica in lingua inglese.

Inoltre, potranno dimostrare di aver lavorato in un paese in cui la prima lingua e lingua nativa è l’inglese, ed in cui è richiesto il superamento di un test di lingua per lavorare.

L’OET è gestito congiuntamente dalla Cambridge Assessment English, parte dell’Università di Cambridge e dall’Istituto Box Hill di Australia.

Il direttore esecutivo dello OET, Sujata Stead, ha dichiarato: “Quello che distingue gli OET dagli altri test è che è stato progettato per la sanità. Usiamo scenari di comunicazione reali, simili a quelli che i professionisti sanitari incontrano ogni giorno.

Ad esempio, le abilità di parlare di un infermiere verranno valutate attraverso un gioco di ruolo faccia a faccia usando un tipico scenario infermieristico, con un interlocutore addestrato che svolge la parte di un paziente o un assistente”,

“Inoltre, i test di scrittura e di scrittura sono diversi per ciascuna delle 12 professioni sanitarie che eseguiamo, in modo che gli scenari per infermieri e ostetriche saranno diversi dagli scenari per i fisioterapisti”, ha aggiunto.

sito OET

 

 

Autore: dott. Antonio Torella (a.torella@icloud.com)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 


 

Altri articoli dello stesso autore:

“Dubai: viaggio attraverso la professione infermieristica. Il racconto di Alessandra Servidei”

“Il cuore oltre l’ostacolo”.Infermieri in Spagna

“burning out”: un docufilm girato in un blocco operatorio

“Francia: infermiere a Parigi”

“Infermieri Italiani in Svezia. Il racconto diIsabella e Davide”

“Il Cielo d’Irlanda: Infermieri Oltremanica”

“La sanità Francese: tempo di Finanziaria e mobilitazioni.”

“Portogallo: infermieri in sciopero per 48 ore”

“Gente di Mare”. L’infermiere sulle navi da crociera

“Competenze avanzate: Liver Specialist Nurse”

Inghilterra. Stop alla borse di studio dal 2017, lo annuncia il governo inglese

“What immigration really means for Britain”: il reale significato dell’immigrazione in Uk”

“National Health Service (NHS). Cosa accadrà oggi, dopo la decisione di lasciare L’UE?”

“DIREZIONE BELGIO. L’infermiere Enrico Punzetti ci racconta la sua esperienza”

“Londra. Manifestazione di protesta degli infermieri, la politica risponde”

“No al taglio delle Borse di Studio”. Studenti e Infermieri in piazza a Londra”

“Infermieri in Inghilterra: Martina Laffi ci racconta Manchester”

“C’era una volta in America: storia di una futura infermiera italiana”

“Noi, Infermieri a Berlino: il racconto di Clorinda Demaio”

“La Spagna approva la legge sulla prescrizione infermieristica. Ma è polemica”

“Norvegia: il nuovo “El Dorado” per gli infermieri”

“Emergency: un’infermiera bolognese ci racconta la sua esperienza in Sudan”

“Genetic Nurse: dal Nord Europa arriva a Bologna una nuova specializzazione”

“Francia: la lunga notte di un infermiere italiano”

“Spagna: stop alla legge sulla prescrizione infermieristica di farmaci e presidi”

Are you RE VALIDATION ready?

“N.M.C. Nuovi requisiti linguistici per la registrazione degli infermieri europei”

Potrebbe interessarti...