L’efficienza della catena di sopravvivenza e l’importanza della prevenzione. Settembre è il mese del cuore

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

E’ sabato mattina, Marco sta giocando a tennis, è giovane, forte, sportivo, non ha mai avuto nulla. Improvvisamente cade a terra, svenuto. Il suo compagno dall’altra parte del campo lo guarda, salta la rete, corre da lui, si rende conto che il cuore di Marco si è fermato. Chiama aiuto, urla, ma subito inizia a spingere le mani sul torace dell’amico per salvarlo – lo vuole salvare – massaggia, massaggia fino a non sentir più le braccia. In pochi minuti arrivano i soccorsi, il defibrillatore, attaccano le piastre, la macchina riconosce l’aritmia grave e scarica. Il cuore riparte, Marco apre gli occhi, è vivo.
L’ambulanza corre al Maggiore, i cardiologi sono già stati allertati e lo aspettano in sala di Emodinamica per capire cosa è successo.  Marco è sveglio e racconta la sua storia, mentre in pochi minuti una sonda viaggia dentro i suoi vasi e raggiunge le coronarie. Una è quasi chiusa e il cardiologo la sistema rapidamente con un’angioplastica. E’ fatta, ora Marco può riposare in reparto e riprendere la sua vita tra le mani.

E’ domenica mattina a Savigno, Piero accompagna la moglie in piazza. Sta camminando, improvvisamente si sente male –  male al petto –  lo dice alla moglie, prova a raggiungere una panchina, ma cade a terra, perde conoscenza. La moglie chiama aiuto, accorrono 2 infermieri, sono li per caso, fuori servizio. Piero non è cosciente, non risponde e non respira, è in arresto cardiaco. Iniziano a massaggiarlo mentre qualcuno porta il defibrillatore custodito in Comune. Iniziano le scariche 1, 2, il cuore non riparte, massaggia, massaggia ancora, alla terza il cuore riparte. Piero si risveglia, ha male al petto, ma gli occhi sono aperti, vede tanta gente intorno, ora è vivo.  All’arrivo al Maggiore in poche decine di minuti vengono fatte una TAC encefalo e la coronarografia. C’è qualche piccola lesione nelle coronarie, ora non c’è bisogno dell’angioplastica, che verrà poi studiata con calma. Piero viene trasferito in Terapia Intensiva Cardiologica, è tranquillo, un po’ frastornato dal trambusto e dagli eventi. Gli hanno detto che lo aspettano altri accertamenti, un po’ di convalescenza, ma sente di essere salvo sempre grazie a quelle mani che tanto generosamente gli hanno spinto sul petto fino a stancarsi.

5-om-rianimaz-cardiopolmonare_1413

Bologna, 02/09/2021. Ospedale Maggiore. Le storie a lieto fine di un 43enne e un 65enne che, a distanza di meno di 24h l’uno dall’altro, hanno subito un arresto cardiaco, entrambi in dimissione dall’Ospedale nei prossimi giorni. Il paziente Piero Z. e gli infermieri soccorritori Lorenzo Rienzi e Massimo Ropa Esposti (quest’ultimo assente alla cerimonia). ARCHIVIO AUSL BOLOGNA foto Paolo Righi

Due storie parallele, emblematiche. Due uomini salvati da atti semplici – rapido riconoscimento dell’arresto cardiaco, tempestiva richiesta di soccorso e massaggio cardiaco e dall’utilizzo del defibrillatore – e dal buon funzionamento di un sistema che ha offerto a Marco e Piero in rapida successione tutti i punti chiave della catena della sopravvivenza. La Rete dell’Emergenza di Bologna è questo. Un sistema consolidato, efficiente ed efficace in grado di assistere il paziente in tutti i passaggi chiave, dalla chiamata alla rianimazione sul campo, dall’arrivo in ospedale alla prima diagnosi e alla fase rianimatoria e, a seguire, dalla neuroriabilitazione alla gestione cardiologica del post-arresto. Più che parlare della fase ospedaliera, i casi di Marco e di Piero portano l’attenzione sui primi minuti dopo l’arresto cardiaco, quando si gioca la maggior parte del successo. I danni al cuore e al cervello sono molto rapidi, il cuore deve ripartire in fretta.
La maggior parte degli arresti avviene in luoghi pubblici, in presenza di altre persone e quando queste sono in grado di riconoscere l’evento, di chiamare soccorso e di iniziare il massaggio cardiaco la sopravvivenza dei pazienti e le probabilità di buon recupero neurologico raddoppiano. Per questo occorre divulgare la “cultura” dell’arresto cardiaco tra i cittadini, tra i ragazzi, nei centri sportivi, nei luoghi di divertimento, nelle scuole. Solo così facendo il Marco o il Piero di turno possono aver più possibilità di incontrare qualcuno che possa rapidamente riconoscere l’arresto cardiaco, chiamare soccorso e iniziare il massaggio cardiaco.
Proprio questo è uno degli obiettivi della Campagna Regionale di Prevenzione delle patologie cardiovascolari che occuperà le principali piazze dei capoluoghi dell’Emilia Romagna nel prossimo mese di settembre, il 18 e il 19 proprio a Bologna.

Settembre è il mese del cuore, il momento giusto per ricordare ai cittadini i punti chiave della prevenzione – dieta, astensione del fumo, attività fisica – e per insegnare a riconoscere un arresto e ad eseguire il massaggio cardiaco. Durante l’evento i cittadini potranno avere una valutazione del loro rischio cardiovascolare (misurazione dell’assetto lipidico, della pressione arteriosa), alcuni incontri educazionali su fumo, dieta e attività fisica. Infine, potranno avere una dimostrazione delle manovre da applicare nei primi momenti dell’arresto cardiaco.
Mai come in questo caso atti semplici – appoggiare le mani unite sul petto e spingere ritmicamente – possono salvare una vita!

La gestione dell’arresto cardiaco nell’area metropolitana di Bologna: la rete del soccorso tra ospedale e territorio
La gestione dell’arresto cardiaco nell’area metropolitana di Bologna ha visto progressive implementazioni negli ultimi 11 anni che hanno permesso di raggiungere performance di elevata qualità cure ben al di sopra delle medie europee. Negli ultimi undici anni i pazienti rianimati dal 118 di Bologna sono stati oltre 2000 con una ripresa delle funzioni vitali in oltre il 40% (33% media europea) e una sopravvivenza alla dimissione dall’ospedale stabilmente sopra il 16% (8% media europea).
L’integrazione tra territorio e ospedale consente di offrire un percorso di eccellenza che si poggia su solide fondamenta: la Centrale Operativa 118 Emilia Est gestisce le chiamate d’emergenza per un territorio molto vasto (2.5 milioni di abitanti), comprendendo i territori di Bologna, Modena e Ferrara e coordina la risposta immediata all’arresto cardiaco; il team di rianimatori delle automediche che sul territorio gestiscono una media di 200 arresti cardiaci all’anno in collaborazione con la rete di soccorso delle ambulanze. Una volta arrivato il paziente all’Ospedale Maggiore la valutazione integrata dell’equipe rianimatoria e cardiologica consente di identificare il percorso migliore. La cardiologia dell’Ospedale Maggiore esegue oltre 1000 procedure di angioplastica ogni anno, garantendo nell’80% dei casi una coronarografia immediata ai pazienti in arresto cardiaco. Il centro cardiologico dell’Ospedale Maggiore è il quinto centro in Italia per volume di angioplastiche nell’infarto acuto, una delle più frequenti cause di arresto cardiaco. La rianimazione dell’Ospedale Maggiore ha il compito di gestire il trattamento dei pazienti con danno neurologico nella delicata fase post arresto cardiaco garantendo i trattamenti salvavita previsti dalle linee guida internazionali.
A Bologna, negli ultimi anni, nel 28% dei casi i testimoni iniziano le manovre di rianimazione cardiopolmonare e/o utilizzano il defibrillatore semi-automatico. Il numero di defibrillatori semi-automatici disponibili sull’area metropolitana è in linea con le raccomandazioni europee di 2 DAE per KM2 (Città Metropolitana di Bologna 911 DAE e Regione Emilia-Romagna 5.784 DAE).
La nuova legge di sistema approvata lo scorso 4 agosto migliorerà le disposizioni in materia di utilizzo di defibrillatori semiautomatici come da direttive Europee promuovendo campagne di sensibilizzazione dedicate alla popolazione e agli studenti delle scuole. La stessa consentirà di aumentare le risorse disponibili per l’intervento in caso di arresto cardiaco e promuovere l’integrazione tra territorio e ospedale con l’obiettivo di creare team di risposta multidisciplinari esperti dedicati ai percorsi dei pazienti in arresto cardiaco.

Bologna, 02/09/2021. Ospedale Maggiore. Le storie a lieto fine di un 43enne e un 65enne che, a distanza di meno di 24h l’uno dall’altro, hanno subito un arresto cardiaco, entrambi in dimissione dall’Ospedale nei prossimi giorni. Il paziente Piero Z. e gli infermieri soccorritori Lorenzo Rienzi e Massimo Ropa Esposti (quest’ultimo assente alla cerimonia). ARCHIVIO AUSL BOLOGNA foto Paolo Righi

Il paziente Piero Z. e il soccorritore (infermiere) Lorenzo Rienzi  – foto Paolo Righi

Potrebbe interessarti...