L’appello del coordinatore infermieristico di Malattie infettive: “Vacciniamoci, ciascuno è chiamato a fare la sua parte”

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

copertina-fb-opi-vax-2

Un GRAZIE con il 💖 a queste persone .. sono INFERMIERI e OPERATORI SANITARI che hanno curato pazienti rischiato la propria vita e quella dei propri cari . Molti di loro si sono ammalati .. altri ci hanno lasciati assieme ai pazienti che curavano … ogni giorno LORO sono in fila per VACCINARSI con la consapevolezza di voler continuare a curare persone scongiurando e prevenendo la possibilità di potenziali contagi tra operatori e pazienti negli ospedali.

Sono davvero “SPECIALI” questi SANITARI .. Sensibilizza quante più persone che puoi a VACCINARSI .. eviteremo che molte altre persone si ammalino e NOI potremo occuparci di tanti altri malati che necessitano delle nostre cure … Stavolta sono gli INFERMIERI ad avere bisogno del tuo “gesto da EROE ”

…. come ? CONDIVIDI questo nostro “GRIDO” e VACCINATI!! … solo insieme potremo salvare tante vite, quelle dei più fragili. GRAZIE PER IL TUO SUPPORTO”

gramegna-vaccini

E’ l’appello di  Antonio Gramegna – coordinatore di Malattie infettive del Policlinico di Sant’Orsola – che insieme alle colleghe Elisabetta Zaniboni e Laura Rossetti hanno pubblicato sul proprio profilo facebook un collage di immagini di tanti infermieri che hanno fatto la corsa per vaccinarsi!

Il motivo di questa pubblicazione sui social? Per coinvolgere quante più persone nel promuovere l’importanza del vaccino tra le proprie cerchie.

Può sembrare strano, ma non è così. Sono sempre tanti i dubbi, le paure e/o perplessità che chiunque può avere. Solo quando esse vengono accolte e affrontate insieme a persone di cui abbiamo davvero fiducia si può raggiungere il traguardo. Ed è questo il motivo per cui ciascuno di noi può fare davvero la differenza, aiutando a far diventare virale il vaccino: l’unica arma che abbiamo per bloccare davvero questa pandemia!

CONSULTA 👉 Aifa- Domande e risposte su vaccini mrna

 

Potrebbe interessarti...