Siria, 22 anni, neo infermiera realizza un video per aiutare tutti a memorizzare più facilmente la sequenza corretta per l’igiene delle mani

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

“Per me essere infermiera significa accompagnare e supportare le persone nelle diverse fasi della loro vita (nascita, riacutizzazioni, esordi di malattia, morte) e in tutte le situazioni imprevedibili che si presentano, come il contesto pandemico in cui ci siamo improvvisamente ritrovati.

whatsapp-image-2021-01-27-at-13-30-52

Prima della stesura della mia tesi a lungo mi sono interrogata su quali potessero essere i bisogni emergenti della popolazione e le domande alle quali, come futuro professionista sanitario, avrei potuto provare a dare una risposta, capace, anche solo in una piccola parte, di migliorare la qualità di vita di altri individui. Insomma, volevo fare la mia parte.

Il bisogno, che tanto cercavo, è emerso, poi, con prepotenza ed è stato il contrasto della diffusione della pandemia. Ho scelto, quindi, di partire dall’essenziale: il lavaggio delle mani, una procedura quotidiana ma sottovalutata ed, il più delle volte, mal praticata. Eppure le indicazioni su come eseguire un corretto lavaggio delle mani sono chiare e ben illustrate, il problema? La sequenza che, soprattutto all’inizio, è difficile da memorizzare e sembra quasi complessa. Ecco che mi sono chiesta come avrei potuto facilitare il ricordo, per permettere poi una corretta esecuzione della procedura.

La scelta di realizzare un video rispecchia la volontà di un intervento di educazione dinamico, i colori (arancione e blu) richiamano quelli delle infografiche dell’OMS, le riprese sono semplici ed immediate e si ricollegano a dei noti giochi da fare con le mani, con l’obiettivo finale di favorire il ricordo e l’efficacia della procedura.

Credo fermamente nell’educazione per la salute che passa attraverso una comunicazione chiara, coerente e cucita sui bisogni della popolazione. Quando si comunica efficacemente si creano degli alleati nella cura e nel mantenimento della salute, un lavoro continuo che mi appassiona fare insieme ai pazienti.

Oggi ho ricevuto la seconda dose del vaccino e guardo al domani con uno sguardo pieno di speranza, consapevole dell’importanza del contributo di ciascuno di noi per raggiungere un obiettivo comune:

“Penso che tutti gli abitanti di questo pianeta debbano comprendere che ciascuno ha un ruolo da svolgere, non importa dove vivi, che lavoro fai o quanti anni hai, tu puoi spezzare la catena di trasmissione.” M. Van Kerkhove (responsabile tecnico WHO per l’emergenza COVID-19)”

Siria, Tangorra neolaureata in Scienze infermieristiche ed oggi infermiera nel reparto di Semeiotica Medica del Policlinico di di Sant’Orsola

GUARDA IL VIDEO, parte del progetto della sua tesi di laurea in Infermieristica

Potrebbe interessarti...